Rinnovabili, la maggior parte della capacità produttiva è in Cina

Pechino, invece, una scelta sembra averla presa

Dentro la notizia

La voce di quoted

La seconda economia al mondo ha investito massicciamente nel settore delle rinnovabili che, al momento, sembra rispondere più ad una logica di legittima politica industriale (e i relativi mercati di sbocco esteri) piuttosto che traghettare il più rapidamente possibile il proprio Paese in un mondo più green. L’Europa dovrebbe approfittare di prodotti a buon mercato (la cui produzione, laddove possibile, è invece più costosa nel Vecchio continente) per accelerare la propria transizione energetica oppure attuare politiche protezionistiche verso Pechino (peraltro con il sicuro placet statunitense)? Il problema è che qui si parla di politica industriale, un qualcosa che nel caso del Bel Paese latita da molti anni.

Rinnovabili, la maggior parte della capacità produttiva è in Cina

La produzione di energia da fonti rinnovabili sta crescendo a livello globale, soprattutto dopo la crisi energetica. Tale produzione, come noto, dipende dalla capacità di costruire gli impianti necessari a generare l’energia pulita, come per esempio i pannelli solari e le batterie.

Attualmente, la capacità di produzione di queste tecnologie è particolarmente concentrata geograficamente, con Cina, Stati Uniti, India e Unione europea che contano tra l’80 e il 90 per cento della capacità globale.

La Cina possiede la maggior parte della capacità manifatturiera legata a quasi tutte queste tecnologie: conta quasi l’80 per cento della capacità di produzione mondiale di impianti per la generazione di energia solare, il 64 di quella per gli impianti per l'energia eolica e il 76 di quella per la produzione di batterie.

Secondo le previsioni dell’Agenzia internazionale dell’energia, le quote di produzione della Cina potrebbero diminuire per alcune di queste tecnologie entro il 2030. In ogni caso, un’alta capacità di produzione di tali impianti in un determinato Paese non si riflette necessariamente in una quota elevata di energia da fonti rinnovabili all’interno del mix energetico di quel Paese.

Tradotto, la Cina (che ad esempio continua a usare massicciamente il carbone) ha investito molto in quel settore, pensando evidentemente più che altro a venderle all’estero (creando possibilmente una dipendenza verso Pechino) piuttosto che destinarle soprattutto al mercato domestico.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

A livello mondiale è stata installata nel 2023 nuova capacità rinnovabile per 473 GW (di cui quasi 300 nella sola Cina)

L’energia solare ha superato l’idroelettrico per capacità installata nel mondo. [continua ]

Energie & Risorse

Rinnovabili, una ventata di ottimismo

Nel 2023 la capacità globale di energia rinnovabile è aumentata del 50 per cento. Agenzia internazionale dell’energia: “L’eolico terrestre e il fotovoltaico sono ormai più economici delle nuove centrali a combustibili fossili quasi ovunque”. [continua ]

Energie & Risorse
L’Arabia Saudita fa shopping in Cina

L’Arabia Saudita fa shopping in Cina

Energie & Risorse
La delocalizzazione verde: il caso dei parchi industriali rinnovabili

La delocalizzazione verde: il caso dei parchi industriali rinnovabili

Energie & Risorse
quoted business

Con Trump alla Casa Bianca, l’Ue non avrà scelta: dovrà puntare (quasi) tutto sulla Cina

Il tycoon non ha mai ben visto l’Unione Europea. E tenterà di bloccare ogni tentativo da parte dei 27 di allacciare rapporti più stringenti con Pechino. [continua ]

Global

Se il Vietnam fa da controfigura alla Cina

Triangolazioni commerciali: occhio non vede, cuore non duole. Le misure protezionistiche verso la Cina producono una riconfigurazione degli scambi. Il rischio è che non si riduca la dipendenza dell’Occidente da Pechino, né si fermi il rapido avanzamento tecnologico dell’economia cinese. [continua ]

Global

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com