Intesa raggiunta sul petrolio: aumenta di nuovo la produzione e il prezzo scende

Intesa raggiunta sul petrolio: aumenta di nuovo la produzione

L'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio, l’Opec, riunitasi a Vienna, ha concordato di aumentare la produzione da luglio dopo che il suo leader de facto, l'Arabia Saudita, ha persuaso il rivale Iran a cooperare per ridurre il prezzo del greggio ed evitare una carenza di approvvigionamento.

Aumento della produzione

Il gruppo ha concordato che l'Opec e i suoi alleati guidati dalla Russia dovrebbero aumentare la produzione di circa 1 milione di barili al giorno. In realtà l'incremento sarà inferiore - probabilmente 600 mila barili - visto che non tutti i paesi sono in grado di aumentare la produzione.

Rally dei prezzi

Negli ultimi anni i prezzi del greggio sono stati sulle montagne russe: scambiato sopra i 100 dollari al barile per diversi anni fino al 2014, sceso a quasi 26 dollari nel 2016, salvo poi recuperare a oltre 80 dollari il mese scorso.

Venezuela, Libia, Iran

Tra il 2017 e il 2018, poi, il calo della produzione in Venezuela e in Libia, nonché il rischio di una riduzione della produzione iraniana a seguito delle sanzioni statunitensi, hanno accresciuto le preoccupazioni sulle scorte disponibili.

Trade war

Un'altra incertezza riguarda la crescente disputa tra gli Stati Uniti e i partner commerciali, che potrebbe colpire le esportazioni di petrolio dagli Usa verso la Cina. Il che avrà un peso. Saranno, infatti, proprio due economie orientali, quella cinese e indiana, a mantenere alta la domanda di petrolio nei prossimi anni. Mentre il resto del mondo sembra sempre più attratto dalle energie rinnovabili.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La Russia supera l’Arabia Saudita

La Russia supera l’Arabia Saudita

Energie & Risorse

Geopolitica del petrolio. Biden sfida l’Opec. Ma il prezzo del greggio aumenta…

L’obiettivo degli Stati Uniti è contenere l’aumento dell’inflazione. Ma la mossa della prima economia al mondo potrebbe incrinare i rapporti tra Washington e Riad, che sono considerati una pietra angolare delle relazioni degli Stati Uniti in Medio Oriente. [continua ]

Energie & Risorse
Petrolio, Opec e Russia tagliano la produzione. Riad dietro la mossa

Petrolio, Opec e Russia tagliano la produzione. L’Arabia Saudita dietro la mossa

Energie & Risorse
Libia, Iran e Nigeria dicono ‘no’. Ma Arabia e Russia: ok al taglio
quoted business

Libia, Iran e Nigeria dicono ‘no’. Ma Arabia e Russia: taglio alla produzione per evitare il crollo dei prezzi

Energie & Risorse

L’Opec+ aumenta la produzione. Ma è sufficiente a soddisfare la domanda globale per appena 86 secondi

L’organizzazione dei paesi produttori di petrolio ha raggiunto un’intesa su un aumento di 100.000 barili da settembre. Il viaggio di Biden in Arabia Saudita non ha avuto effetti. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

La Russia registra un avanzo commerciale record: oltre 70 miliardi di dollari. Mai così ampio dal 1994

L’Ue si prepara al peggio. La Commissione presenterà un piano il 20 luglio per ridurre di un terzo l’impatto di una potenziale interruzione del gas russo. Uno scenario che, qualora dovesse verificarsi a luglio, impedirebbe agli stoccaggi europei di riempirsi oltre il 71% da qui a novembre. [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com