Il mercato del petrolio è sovraffollato. L'Opec si prepara a tagliare la produzione

Il mercato del petrolio è sovraffollato

Anche per il petrolio, il 23 novembre, è stato una specie di “black friday”. Venerdì i prezzi del greggio sono crollati ai minimi del 2018 in quello che si continua a dimostrare un mercato molto volatile. E dopo i rialzi dell'estate, i prezzi sono scesi sensibilmente: circa il 30% dai massimi di ottobre (86 dollari al barile).

Ma continua a esserci disallineamento tra i vari mercati. La divergenza tra il greggio statunitense e quello internazionale è imputabile all'impennata delle forniture nordamericane, che intasano il sistema e deprimono i prezzi, mentre i mercati globali sono un po’ più rigidi, a causa della riduzione delle esportazioni iraniane e delle nuove sanzioni statunitensi.

Nel complesso, tuttavia, l'offerta mondiale di petrolio è aumentata quest'anno, con i primi tre produttori - Stati Uniti, Russia e Arabia Saudita - che pompano più di un terzo del consumo globale, che si attesta a circa 100 milioni di barili al giorno.

La caduta giunge in una fase nella quale i mercati si aspettano che l'Organizzazione dei Paesi esportatori di petrolio (Opec) decida di ridurre la produzione in un incontro programmato per il 6 dicembre. L’ipotesi più accreditata parla di un taglio di 1,5 milioni di barili al giorno.

Occorre, poi, considerare che anche le prospettive sulla domanda di greggio si indeboliscono sulla scia di un rallentamento economico globale. Come dimostra l’andamento del quarto trimestre, nel quale la produzione di petrolio ha superato la richiesta.

L’Arabia Saudita spinge per tagliare la produzione, mentre gli Stati Uniti sono favorevoli a prezzi calmierati. Ma, come è noto, tra Donald Trump e il principe ereditario saudita, Mohammed bin Salman, c’è uno stretto legame.

Intanto, S&P Global Platts ha diffuso nuove stime: il prezzo dell'oro nero dovrebbe attestarsi a 75,50 dollari al barile nel 2019 rispetto ai 73,91 di quest'anno.

Si deciderà il 6 dicembre.

Fonte

Articoli correlati

Enel, utili a 4,7 mld. Nel 2021 il 62% dell'energia generata sarà "pulita"

Il gruppo Enel procede a passo spedito. Sembra quasi non operare in un paese in recessione tecnica. La crescita nelle energie rinnovabili, l'espansione in Sud America dove è diventato il player numero uno e lo sviluppo della divisione delle reti: sono i tre pilastri che hanno portato la società controllata dal Tesoro a migliorare il risultato operativo e l'utile netto, salito 4,79 miliardi nel 2018 con una crescita del 26,7% rispetto ai dodici mei precedenti. [continua ]

Energie & Risorse
Più di 2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua

Più di 2 miliardi di persone non hanno accesso all’acqua

Energie & Risorse

Petrolio, gli Usa diventeranno entro 5 anni il primo esportatore globale

Gli Stati Uniti sono diventati il primo produttore mondiale di petrolio nel 2018 e diventeranno il maggiore esportatore di greggio a livello globale nei prossimi cinque anni. Secondo l'Agenzia internazionale per l'energia (Aie), le esportazioni statunitensi di oro nero dovrebbero raggiungere i 10 milioni di barili al giorno entro il 2024, il che significherebbe sorpassare la Russia e, persino, l'Arabia Saudita. [continua ]

Energie & Risorse
Banche centrali, torna la corsa all’oro

Banche centrali, torna la corsa all’oro

Energie & Risorse
L’ultima sfida, catturare la CO2 per riutilizzarla

L’ultima sfida, catturare la CO2 per riutilizzarla

Energie & Risorse
Petrolio, intesa Opec-Russia sui tagli

Petrolio, intesa Opec-Russia sui tagli alla produzione

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com