L’Opec+ trova l’intesa. Tuttavia l’economia resta nelle mani di poche multinazionali

L’accordo raggiunto in seno all’organizzazione per aumentare la produzione di greggio arresterà la crescita dell’inflazione. L’economia globale è tuttavia ancora anacronisticamente fondata sull’energia fossile e sul potere debordante di un manipolo di multinazionali, ormai troppo grandi persino per i governi dei principali paesi al mondo.

L’Opec+ trova l’intesa. Tuttavia l’economia resta nelle mani di ...

Finalmente la quadra è stata trovata: l’Opec e i suoi alleati hanno raggiunto un accordo per aumentare la produzione di petrolio in un momento di impennata dei prezzi, e arrivando a un compromesso su come vengono calcolati gli obiettivi di produzione di alcuni dei suoi maggiori membri.

I membri del gruppo Opec+, tra cui Emirati Arabi Uniti, Arabia Saudita, Russia, Iraq e Kuwait, potranno tutti disporre di una base di produzione più alta. A questo punto, la corsa al rialzo dei prezzi del petrolio dovrebbe raffreddarsi dopo aver minacciato la ripresa dell’economia globale (che prova a rimbalzare dopo il duro colpo inferto dalla pandemia di Covid-19).

Così, dopo il tentativo fallito agli inizi di luglio, a partire da agosto l’Opec+ pomperà un extra di 400.000 barili al giorno ogni mese, ma restano i dubbi degli analisti sul fatto che la quantità di volume ripristinata sia effettivamente sufficiente a tenere nei prossimi mesi i prezzi sotto controllo, dato che la domanda dovrebbe continuare a crescere.

Al di là dell’intesa appena raggiunta restano in ogni caso sul tappeto due nodi: la persistente dipendenza strutturale delle economie mondiali dal petrolio e il potere debordante di un manipolo di multinazionali sulla scena mondiale con cui i governi non riescono (viste le loro dimensioni galattiche), e a volte preferiscono, non fare i conti. Ma a tutto c’è un limite, come ci ricordano tra gli altri il clima e l’aumento delle disuguaglianze (soprattutto in ambito domestico).

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Geopolitica del petrolio. Biden sfida l’Opec. Ma il prezzo del greggio aumenta…

L’obiettivo degli Stati Uniti è contenere l’aumento dell’inflazione. Ma la mossa della prima economia al mondo potrebbe incrinare i rapporti tra Washington e Riad, che sono considerati una pietra angolare delle relazioni degli Stati Uniti in Medio Oriente. [continua ]

Energie & Risorse
L’economia globale resta ostaggio dei produttori di petrolio

L’economia globale resta ostaggio dei produttori di petrolio

Energie & Risorse
quoted business

La ripresa dell’economia globale è nelle mani dei paesi produttori di petrolio. E c’è chi parla di stagflazione

Nessun accordo in seno Opec+ (che include la Russia) ed Emirati Arabi sul ripristino della produzione di petrolio ai livelli pre-pandemici. A questo punto l’inflazione delle economie avanzate è destinata a salire ancora, mettendo a rischio la ripresa globale. Anche le banche centrali potrebbero decidere di anticipare l’aumento dei tassi di interesse. [continua ]

Energie & Risorse
Sul petrolio siamo ‘bipolari’. Vogliamo eliminarlo, ma ne chiediamo di più
quoted business

Sul petrolio siamo ‘bipolari’. Vogliamo eliminarlo, ma ne chiediamo sempre di più

Energie & Risorse
I primi 10 paesi produttori di petrolio

I primi 10 paesi produttori di petrolio al mondo

Energie & Risorse
Secondo quoted business
“Le energie rinnovabili non possono sostituire i combustibili fossili”

“Le energie rinnovabili non possono sostituire i combustibili fossili in un’economia moderna”

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com