Il possibile doppio gioco di Cina e India: taglieranno i gas serra prima del previsto?

Il direttore dell’Agenzia internazionale per l’energia: “Pechino e New Delhi stanno facendo grandi progressi nel settore della decarbonizzazione”. Ma la ripresa dell’economia mondiale si basa ancora sui combustibili fossili. E il boom dei prezzi di petrolio e gas delle settimane scorse in Europa è stato artificiale e non ha niente a che vedere con la transizione ecologica.

Cina e India taglieranno i gas serra prima del previsto?

“Non escludo che Cina e India facciano prima di quanto annunciato”. A sostenerlo in un’intervista a Repubblica è Fatih Birol, il direttore esecutivo dell’Agenzia internazionale per l’energia. Il governo cinese, in particolare, si è impegnato a raggiungere la neutralità carbonica nel 2060 e il picco di emissioni di CO2 entro il 2030. Eppure, “io spero di vedere il picco delle emissioni cinesi ben prima della fine di questo decennio - spiega Birol -. La Cina sta facendo grandi passi nella direzione della decarbonizzazione: nel settore delle auto elettriche, nelle energie rinnovabili, nell’efficienza energetica, nel nucleare. Tutte mosse per ridurre la CO2 rilasciata in atmosfera. Per questo non sarei sorpreso se vedessi diminuire le emissioni cinesi a ben prima del 2030.”

L’India, invece, si è data ufficialmente tempi più lunghi. “India e Cina sono Paesi simili in termini di popolazione e dimensioni geografiche, ma con grandi differenze se si guarda all’economia, alla distribuzione del reddito, al tipo di sviluppo industriale. Per tutti questi motivi l’India ha bisogno di più tempo affinché la sua economia diventi carbon neutral. Ma anche nel caso dell’India, mi aspetto che non dovremo attendere davvero il 2070 per vederle tagliare il traguardo net zero. Quel Paese sta facendo grandi progressi nello sviluppo di tecnologie legate all’idrogeno, al fotovoltaico e alle auto elettriche.”

Allargando l’orizzonte all’Europa, c’è poi il problema del forte aumento del costo dell’energia. È una conseguenza della transizione ecologica? “La verità è che stiamo assistendo a una ripresa non sostenibile: l’economia globale sta crescendo del 6%, il tasso più alto degli ultimi 50 anni, un boom che si regge tutto sui combustibili fossili. Oggi c’è abbastanza petrolio e gas: se i produttori si fossero comportati in modo responsabile non ci sarebbe stato alcun problema. Invece in Europa i prezzi del gas sono andati alle stelle. Il boom dei prezzi di petrolio e gas delle settimane scorse è stato artificiale e non ha niente a che vedere con la transizione ecologica.” Piuttosto si ricollega a ragioni geopolitiche e nel caso dell’Europa ai rapporti con Mosca.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Brics versus Bricasi

Brics, Argentina e Iran verso il blocco formato da Brasile, Russia, India, Cina e Sud Africa

Global
Da una dipendenza all’altra. L’Occidente in balia della Cina

Da una dipendenza all’altra. L’Occidente in balia della Cina

Energie & Risorse
India, Cina e Usa sul podio dell’economia globale

India, Cina e Usa sul podio dell’economia globale

Economia

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse

Gazprom avverte: -27% di consegne nell’Ue da gennaio e +60% in Cina

Il colosso russo: “Per raggiungere l’obiettivo dell’Ue di riempire gli impianti di stoccaggio al 90%, le compagnie europee dovranno pompare altri 56 mld di metri cubi di gas”. Ecco perché “la ricostituzione delle riserve di gas negli impianti sotterranei in Europa è una sfida molto seria”. Inoltre, “la quantità totale di gas disponibile sul mercato europeo dipende fortemente dalla domanda del crescente mercato asiatico”. [continua ]

Energie & Risorse
La contromossa di Gazprom: nuovo accordo con la Cina
quoted business

La contromossa di Gazprom: nuovo accordo con la Cina

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com