In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa

Solo negli ultimi due anni perso un quinto della produzione di Ue e Gran Bretagna, ma il nostro consumo di gas continua a crescere e la dipendenza dall’estero aumenta. I cargo americani cambiano rotta e vengono in Europa

In Europa sempre meno gas: costretti a stare al gioco di Russia e Usa

Un’Europa che produce sempre meno gas ma che continua a consumarne tanto e addirittura potrebbe consumarne di più nei prossimi anni, per sostituire il carbone e in qualche caso il nucleare. E che dunque sembra destinata ad aumentare, invece che diminuire, la sua dipendenza dall’estero. Almeno finché le rinnovabili non riusciranno a prendere il sopravvento.

Il Vecchio Continente non ha mai avuto così tanto bisogno di gas. Quello proveniente dalla Russia (che resta il primo esportatore di oro blu verso l’Ue) non basta a coprire la richiesta del Vecchio Continente e i prezzi restano elevati.

Così, attratti da queste quotazioni record, ora sono i produttori statunitensi a offrire all’Europa il loro combustibile, dirottando oltre Atlantico i cargo che trasportano Gas naturale liquefatto (Gnl) estratto negli Usa. Ma da soli non basteranno a soddisfare la domanda in eccesso.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

A giugno, per la prima volta nella storia, i paesi dell’Ue hanno importato più gas naturale liquefatto dagli Usa che dalla Russia

Gazprom: stop al gasdotto Nord Stream per 10 giorni [continua ]

Energie & Risorse

La Cina potrebbe fare con il resto del mondo quello che la Russia sta facendo contro l’Europa

Pechino detiene il 93% delle scorte mondiali di rame, il 74% di quelle di alluminio, il 68% di quelle di mais e il 51% di quelle di frumento. Eppure l’attività estrattiva in Cina è limitata. Come si spiega allora questo dominio? [continua ]

Energie & Risorse

Se l’Europa vuole azzerare l’economia russa, solo con l’embargo del gas può riuscirci

Se l’Europa è disposta a sostituire il gas russo con maggiore import di gas naturale liquefatto, ben più costoso, potrebbe minare gravemente la capacità della Russia di guadagnare valuta forte attraverso le esportazioni di gas con le quali Vladimir Putin finanzia anche la guerra in Ucraina. Ma questa scelta comporterebbe costi elevati e duraturi anche per l’Europa. [continua ]

Energie & Risorse
quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse
Gas, il piano di Biden per rifornire l’Europa
quoted business

Gas, il piano di Biden per rifornire l’Europa

Energie & Risorse
Acqua, siamo alla canna del gas. Ma in questo caso la Russia non c’entra

Acqua, siamo alla canna del gas. Ma in questo caso la Russia non c’entra

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com