Crisi energetica in Francia. Il governo blocca i prezzi del gas

Il premier Castex: “Fino ad aprile non ci saranno ulteriori aumenti del prezzo del gas”. Il governo teme nuove tensioni sociali. Il ricordo di quanto accaduto nel 2019 con i ‘gilet gialli’ è ancora vivo

Crisi energetica. Il governo blocca i prezzi del gas

La crisi energetica non riguarda soltanto l’Italia. In Francia, dopo l’aumento delle tariffe del 12,6% previsto per ottobre, il governo ha deciso di bloccare i prezzi del gas fino ad aprile, quando – secondo il premier Jean Castex – il prezzo dell’oro blu dovrebbe scendere.

Quindi non ci saranno per cinque mesi altri rialzi, che saranno assorbiti dalle aziende distributrici. Le stime indicano un incremento del 20% a novembre e del 10% nell’ultimo mese dell’anno. E occorre considerare che già nei mesi precedenti il prezzo del gas era lievitato: +10 a luglio, +5% ad agosto e +8,7% a settembre.

Per quanto riguarda il prezzo dell’elettricità, a fronte di un aumento del 12% stimato per febbraio 2022, Castex ha annunciato che il governo limiterà il rialzo al 4% attraverso il taglio delle tasse.

Queste misure integrano l’erogazione di una misura una tantum pari a 100 euro programmato per dicembre e destinata a 6 milioni di famiglie francesi (su 29 mln) al fine di compensare in parte gli aumenti delle bollette.

Il timore del governo è che le bollette più salate possano alimentare nuovi disordini sociali. A Parigi nessuno ha dimenticato quanto accaduto durante l’autunno del 2019, quando l’aumento dei prezzi del carburante era stato il detonatore della crisi dei ‘gilet gialli’.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse
Ue, tutti alla canna del gas. Tranne la Francia

Ue, tutti alla canna del gas. Tranne la Francia

Ue
Energie & Risorse
Parigi prolunga la vita di 32 centrali nucleari: 16 sono vicine all’Italia

La Francia prolunga la vita di 32 vecchie centrali nucleari. E 16 sono vicine al confine con l’Italia

Energie & Risorse

Investimenti esteri, agli italiani piace la Francia. Ma i primi tre paesi a puntare sul paese transalpino sono Germania, Usa, e Regno Unito

I dati del bilancio 2021 realizzato da Business France. La Francia è il primo paese di destinazione per gli investimenti italiani all’estero. [continua ]

Economia
L’Europa nella trappola dell’inflazione

Eurozona: +7,5% (+44,7% l’energia), Italia 6,7%, Spagna 9,8%, Germania 7,3%, Francia 4,5%

Moneta & Mercati
Borrell: “Non barattiamo i diritti umani per il gas”
quoted business

Borrell: “Non barattiamo i diritti umani per il gas”. Poi riconosce: “I prezzi dell’energia saliranno”

Strategie & Regole

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com