La Germania vuole diventare il leader globale dell’idrogeno

Il governo investe 9 miliardi e propone che la Germania costruisca una capacità di elettrolisi di 5.000 megawatt (MW) entro il 2030 e 10.000 MW entro il 2040 per produrre il nuovo combustibile

Berlino vuole diventare il leader globale dell’idrogeno

Il governo tedesco ha approvato una strategia nazionale per l’idrogeno (H2) per contribuire a decarbonizzare l’economia e ridurre l’uso di CO2 una volta che la produzione di carbone e nucleare sarà gradualmente eliminata nei prossimi anni e la sua industria dovrà diventare ‘green’.

Il governo propone che la Germania costruisca una capacità di elettrolisi (un processo senza anidride carbonica, se alimentato da elettricità rinnovabile, per estrarre l’idrogeno “verde” dall’acqua) di 5.000 megawatt (MW) entro il 2030 e 10.000 MW entro il 2040 per produrre il nuovo combustibile. L’obiettivo è fare della Germania il primo fornitore al mondo di tale fonte di energia pulita. Per riuscirci l’esecutivo tedesco ha meso sul piatto 9 mld.

Berlino vuole puntare su questo combustibile alternativo insieme all’energia eolica e solare per sostituire sia quella fossile che nucleare e applicarlo nei settori del riscaldamento e dei trasporti.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com