Gas, la Germania dispone di una quantità pari a 40 volte quella importata da Mosca. Ma non la usa

Gas, Berlino dispone di una quantità pari a 40 volte ...

Ciò che sembra impensabile in Germania è improvvisamente possibile in Gran Bretagna: la neo premier britannica Liz Truss ha annunciato la fine della moratoria sul cosiddetto fracking. In soli sei mesi, il gas sarà recuperato dal suolo britannico utilizzando la controversa tecnologia, rendendo così il Regno meno dipendente dalle importazioni di gas.

Una possibilità impensabile nella prima economia europea. Il fracking è vietato in Germania per motivi ambientali dal 2017. Ma la situazione attuale sta facendo riemergere il dibattito, anche perché secondo alcuni nuovi studi la Germania disporrebbe di una quantità di gas intrappolato nel sottosuolo pari a 40 volte quella importata annualmente dalla Russia. Il vicepresidente della commissione di esperti nominata dal governo tedesco, Holger Weiß, ha recentemente affermato a proposito del rifiuto del fracking: “È una decisione ideologica non basata su fatti concreti”.

In realtà, le cose non stanno proprio in questi termini. Il fracking - ovvero la perforazione della crosta terrestre, che avviene iniettando una miscela ad alta pressione a base di acqua, sabbia e sostanze chimiche (potenzialmente pericolose; possono contaminare le falde) e che consente di far defluire il gas intrappolato nella roccia - è una pratica decisamente controversa e invasiva. A tal punto che può causare terremoti. Rischi che non hanno fermato gli Stati Uniti: proprio grazie al fracking, nel giro di pochi anni l’economia americana si è trasformata da importatore netto di energia a esportatore netto. Una tentazione in cui ora rischia di ‘cadere’ anche Berlino? Improbabile che ciò accada con l’attuale governo Scholz, fondato su una coalizione formata Spd, Liberali, e Verdi.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La Bundesbank ha fatto i conti: l’embargo sul gas russo costerebbe 180 miliardi alla Germania e il 5% del Pil

Olaf Scholz: “Non vedo come embargo a gas possa fermare guerra”. Il cancelliere tedesco usa lo spettro della guerra nucleare per intimorire l’Ue rispetto alla messa al bando del gas russo. [continua ]

Energie & Risorse
Senza gas: riserve sufficienti per due mesi e mezzo

Germania senza gas: riserve sufficienti per due mesi e mezzo. Berlino chiede aiuto all’Europa

Energie & Risorse

Germania, ecco la prima vittima eccellente della stretta di Mosca sulle forniture di gas all’Europa

Uniper chiede il salvataggio di Stato. Perdite fino a 10 miliardi, più del doppio del suo valore di mercato. Il colosso del gas ha dovuto far fronte al taglio delle forniture da Mosca comprando più gas sui mercati spot a prezzi molto elevati. Si teme un effetto contagio simile a quello di Lehman Brothers. E si parla di un enorme aumento delle bollette per il prossimo anno. [continua ]

Economia
Bollette, in arrivo un’altra stangata

Bollette, in arrivo un’altra stangata: +17% l’energia elettrica e +27% il gas

Energie & Risorse
Gas, la Germania verso il razionamento. Cingolani: “In Italia per ora no”

La Germania verso il razionamento del gas. Cingolani: “In Italia al momento è escluso”

Energie & Risorse
quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse

Indicatori

Crediti deteriorati

L'andamento dei crediti deteriorati dal 2005 al 2020 in Italia, Francia, Germania, Regno Unito e Spagna in rapporto al totale dei crediti erogati

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com