Petrolio e gas, la vendetta di Macron comincia dalla Libia?

Haftar, Macron e petrolio. Un intreccio che può creare problemi all'Italia

Nel sud della Libia, il generale Khalifa Haftar – sostenuto dalla Francia - avanza e minaccia da vicino El Feel, il pozzo da cui l'Eni estrae gran parte del petrolio e del gas, che giunge poi in Italia. A Tripoli il premier Fayez Al Serraj è, invece, “ostaggio” delle milizie chiamate a difenderlo.

Emmanuel Macron, nonostante la guerra a Gheddafi voluta da Nicolas Sarkozy, sembra dunque vicino a strappare definitivamente all'Italia l'egemonia economica e l'influenza politica sull'ex colonia. E l’Eliseo non dimentica i tentativi del M5s di affossare la Tav e di stringere alleanze con i gilet gialli.

I segnali più preoccupanti per l'Italia arrivano dalla regione del Fezzan, dove l'Esercito Nazionale Libico, la formazione armata guidata da Haftar e fedele al governo di Tobruk, ha già preso il controllo di Sharara, uno dei principali pozzi della regione gestito dalla spagnola Repsol.

Ma ora il generale potrebbe puntare gli occhi anche su El Feel, il pozzo gestito da Eni da cui arrivano petrolio e gas destinati all'Italia. In realtà il bombardamento intorno alla pista del piccolo aeroporto di El Feel messo a segno il 9 febbraio dall’aviazione di Tobruk evidenzia quanto il pozzo dell’Eni, distante un centinaio di chilometri, sia già nel mirino di Haftar.

Fonte

Articoli correlati

Petrolio, il contrabbando costa alla Libia 750 mln di dollari l'anno

Il contrabbando di petrolio costa alla Libia 750 mln di dollari l'anno

Energie & Risorse

Libia, conferenza nazionale il 14 aprile. Svolta vicina?

La Conferenza nazionale della Libia, il primo passo stabilito dalla road map Onu per arrivare a elezioni nel tormentato paese nordafricano, si terrà dal 14 al 16 aprile. Lo ha annunciato l'inviato Onu, Ghassan Salamé. Lo svolgimento della conferenza era stato previsto inizialmente per gennaio al fine di consentire le elezioni già a giugno. Ma le divisioni tra le fazioni libiche, soprattutto quelle che appoggiano il premier Fayez al-Sarraj e il generale Khalifa Haftar, hanno ritardato i tempi. [continua ]

Strategie & Regole
Palermo, una conferenza per porre fine a una guerra di 7 anni

Libia, una conferenza per porre fine alla guerra. Ma gli interessi economici pongono un ostacolo

Strategie & Regole

Libia, elezioni politiche a dicembre per uscire dalla guerra civile

I leader della Libia hanno fissato la data delle nuove elezioni politiche: 10 dicembre 2018. Sarà un appuntamento storico per il paese che prova a voltare pagina. L’intesa è stata raggiunta nelle scorse settimane a Parigi. Il primo ministro libico, Fayez al-Sarraj, ha dichiarato di essere soddisfatto dell'esito dell'incontro, al quale hanno partecipato rappresentanti di 20 paesi. [continua ]

Strategie & Regole
Presi per il PIL
L'attacco sulla Siria ha fatto dimenticare la questione libica?

Il bombardamento sulla Siria rischia di mettere in secondo piano la complessa situazione libica

Strategie & Regole
Produce un mln di barili di petrolio al giorno ma nel paese regna il caos

La Libia produce un mln di barili di petrolio al giorno ma nel paese regna il caos

Economia

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com