Dopo 130 anni la produzione dell'alluminio diventerà davvero sostenibile? Secondo Apple sì...

Grazie a Apple la produzione dell'alluminio diventerà davvero sostenibile?

Il settore dell'alluminio si appresta a vivere uno dei più grandi progressi della sua storia che lo renderà più sostenibile dal punto di vista ambientale: Apple, che utilizza il materiale per i propri prodotti, ha annunciato una collaborazione in Canada con la joint venture Elysis tra Alcoa, principale azienda statunitense, e Rio Tinto, colosso minerario multinazionale, per finanziare la tecnologia che consentirà di eliminare le emissioni di anidride carbonica nella produzione dell’alluminio.

Svolta green?

"Siamo orgogliosi di far parte di questo nuovo progetto ambizioso e non vediamo l'ora di poter utilizzare l'alluminio prodotto senza emissioni dirette di gas serra nella produzione dei nostri prodotti", ha dichiarato l’amministratore delegato di Apple, Tim Cook. L’alluminio è già un materiale riciclabile, ma al momento la sua produzione incide per l’1% sulle emissioni globali totali di anidride carbonica.

Una fusione tutta nuova

Il nuovo processo di fusione “carbon free” sarà disponibile in commercio entro il 2024: sarà basato su un “anodo inerte” che, al termine del procedimento, emanerà ossigeno anziché anidride carbonica. Grazie all’interessamento di Apple per un alluminio più green, per ridurre l’impatto ambientale dei materiali che utilizza, ora questa tecnologia sta andando avanti.

Il ruolo del Canada

Se l’alluminio green di nuova generazione sarà fabbricato in Canada, grazie all’energia generata dalle centrali idroelettriche, le emissioni di gas serra e le emissioni dirette dal processo di fusione saranno eliminate. Al momento questa innovazione è stata testata in un progetto pilota dell’Alcoa a Pittsburgh e, grazie a questa joint venture che investirà 40 milioni di dollari, l’obiettivo è di diffonderla nella produzione industriale dell’alluminio.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com