Gas, l’Algeria ora scopre di non essere in grado di rispettare il contratto siglato con l’Italia

Sonatrach fatica a reperire i volumi aggiuntivi di gas naturale promessi dall’Algeria all’Italia e tale accordo potrebbe non essere attuato nei tempi previsti. Per i mesi di novembre e dicembre prossimi sarebbero dovuti arrivare dal paese nordafricano ulteriori 2 miliardi di metri cubi, ma per ora sono disponibili appena 200 milioni

Gas, il Paese non riesce a rispettare il contratto siglato con l’Italia

Dopo alcuni precipitosi viaggi in Algeria, il governo Draghi sembrava esser riuscito a mettere una toppa, non risolutiva, alla estrema dipendenza dell’Italia dal gas russo. Tanto che per settimane in numerosi osservatori avevano evidenziato il sorpasso di Algeri su Mosca nell’elenco dei paesi esportatori di oro blu in Italia. Nell’euforia generale, ‘quoted business’ aveva subito evidenziato alcuni rischi. A cominciare dal fatto che l'autoritario Stato nordafricano ha strette relazioni bilaterali proprio con la Russia e che la capacità di onorare i nuovi impegni contrattuali sarebbe stata messa a dura prova dalle modeste capacità infrastrutturali di cui oggi dispone Algeri, oltre al fatto che difronte all’esplosione dei prezzi il Paese africano avrebbe potuto presto chiedere una revisione del prezzo di vendita, anche per i contratti in essere (circostanza ancora non avvenuta tecnicamente ma che si profila all'orizzonte).

Ora sembrano emergere i primi nodi. Da inizio anno l’Algeria ha fornito all’Italia 13,9 miliardi di metri cubi (mc), superando del 113% i volumi inizialmente previsti. Ma il nuovo accordo firmato tra Sonatrach, la società nazionale di idrocarburi, ed Eni nei mesi scorsi prevedeva la consegna in Italia di ulteriori 6 mld di mc entro la fine del 2022. E altri ancora fino all’inizio del 2024. Il problema è che, dei 2 mld di mc aggiuntivi previsti nel bimestre novembre-dicembre, Sonatrach può garantire al momento ‘solo’ 200 milioni di mc. Per provare a raggiungere i 9 mld aggiuntivi annui richiesti dallo Stivale, l’Algeria proverà a mobilitare “le capacità di trasporto disponibili del gasdotto (Transmed) per garantire una maggiore flessibilità nell’approvvigionamento energetico e per fornire gradualmente volumi di gas crescenti a partire dal 2022, (per raggiungere) 9 mld di mc di gas (aggiuntivi) all’anno nel 2023-24”. Ma, ammesso che il Paese africano riesca nei propri intenti (tra poco vedremo che in realtà è una ‘mission impossible’), è comunque troppo tardi per l’inverno in arrivo.

Eni, presente in Algeria dal 1981, gestisce con Sonatrach il gasdotto TransMed che collega il Paese all’Italia, passando per la Tunisia: può trasportare fino a 32 mld di mc di gas naturale all’anno e, fino a pochi mesi fa, ha consentito all’Algeria di esportare una media di 22 mld di mc. È questa capacità aggiuntiva di 10 mld di mc che l’Italia vuole intercettare. Solo che nelle attuali condizioni che caratterizzano la produzione algerina di gas naturale, resta impossibile mobilitare tali volumi aggiuntivi. Al massimo si può arrivare a 4 mld. Un fatto di cui Sonatrach era ben cosciente. Eppure non ha desistito dal firmare un contratto illusorio con l’Italia. Qualche dubbio resta anche in capo ad Eni: possibile che il colosso italiano, peraltro presente da decenni sul terreno, non abbia avuto alcuna incertezza sulla reale possibilità dell’Algeria di onorare gli impegni contrattuali a fronte di un parco infrastrutturale limitato?

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

quoted business

Draghi: “Accordo con l’Algeria su energia e gas”. La risposta del governo italiano alla dipendenza da Mosca (passando da una dittatura a un’altra)

Draghi, Di Maio, Cingolani e Descalzi in missione ad Algeri centrano l’obiettivo di sostituire un terzo del gas russo: assicurati 9 mld di metri cubi aggiuntivi attraverso il gasdotto TransMed. Il problema però non è diversificare a prescindere. L’accordo con il paese nordafricano aggira l’ostacolo, non lo risolve: gli oligarchi algerini sono forse tanto meglio di quelli russi? [continua ]

Energie & Risorse

L’Algeria e il gioco delle tre carte: fornisce più gas all’Italia, ma taglia quello consegnato alla Spagna

Ora l’Italia dipende meno da Mosca e più da Algeri, passando tuttavia da una dittatura ad un’altra. In compenso l’Italia può candidarsi a diventare l’hub europeo del gas proveniente dal nordafrica. Ma a quale prezzo geopolitico ed economico? [continua ]

Strategie & Regole

Italia, crollano le estrazioni di gas e aumenta la dipendenza dall'estero. Eppure esportiamo oro blu

Diminuisce l’uso dei giacimenti a chilometri zero ma bruciamo più metano e lo importiamo dall’estero con un rilevante impatto ambientale. Il contributo del gasdotto Tap, la ripresa dell’Algeria e il fatto che la Russia abbia continuato a esportare verso l’Italia hanno dato disponibilità aggiuntiva e a prezzi competitivi che ha consentito anche il fenomeno dell’export (seppur in piccole quantità). [continua ]

Energie & Risorse

Energia, la Francia da paese esportatore a importatore. Parigi potrebbe stoppare l’export di energia elettrica all’Italia per 2 anni

Parigi pesa per il 5% del fabbisogno italiano, ma sono a rischio anche le forniture da Svizzera, Austria e Slovenia. [continua ]

Energie & Risorse
Gas, l’Algeria alza il prezzo delle forniture all’Europa. Un bel guaio

Gas, l’Algeria alza il prezzo delle forniture all’Europa. Un bel guaio per il Vecchio continente

Energie & Risorse
Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore

Gas, petrolio e carbone: a livello globale l’Italia è il terzo importatore dalla Russia

Energie & Risorse

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com