Evasione Iva, l'Italia si conferma prima nell’Ue anche nel 2016

Evasione Iva: l'Italia si conferma prima anche nel 2016 con perdite per le casse dello stato pari a 35,9 mld. È terza per il maggior divario tra gettito previsto e riscosso.

Rapporto sull'Iva della Commissione europea

Visto da qb

Secondo il Rapporto della Commissione europea, il governo italiano è riuscito a riscuotere nel 2016 soltanto il 25,9% del gettito previsto ed è terz'ultima in classifica. Riescono a fare peggio appena due paesi: Romania (35,9%) e Grecia (29,2%). In termini nominali l'Iva evasa in Italia ammonta a 35,7 miliardi. Nel complesso, dal 2012 al 2016 l'Italia è riuscita a ridurre l'evasione del 3%, con un divario calato dal 29% a poco meno del 26%.

Nel suo insieme, l'Ue ha registrato perdite di introiti sull'Iva per 147,1 miliardi di euro, in calo rispetto all'anno precedente (dal 13,2% al 12,3%). I Paesi Ue in cui l'evasione dell'Iva è la più bassa sono Lussemburgo (0,85%), Svezia (1,08%) e Croazia (1,15%).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com