Manovra, Conte: "Non lavoro a deficit sotto il 2%”

Manovra, Conte: "Non lavoro a deficit sotto il 2%”
Il premier Giuseppe Conte

La trattativa con l’Ue è ora nella mani di Giuseppe Conte. Il premier ha negato di lavorare a un obiettivo inferiore al 2% (nel rapporto deficit/Pil). Eppure è proprio quella la percentuale che la Commissione Europea chiederebbe - l'1,95% - con un sacrificio di 4 miliardi e mezzo.

Più o meno quanto chiesto nel suo appello al premier anche da Vincenzo Boccia. "Considerando che con appena quattro miliardi evitiamo la procedura di infrazione europea, direi a Conte di chiamare i suoi due vicepremier e direi loro di togliere due miliardi a testa. Se uno dei due non vuole arretrare, mi dimetterei e denuncerei all'opinione pubblica chi si rifiuta", ha detto il presidente di Confindustria.

Dal fronte europeo è intanto arrivata la (prevedibile) presa di posizione dell'Eurogruppo. Con un richiamo al rispetto delle regole: "Sosteniamo la valutazione della Commissione e raccomandiamo all'Italia di prendere le misure necessarie a rispettare le regole del Patto di stabilità".

Intanto da Bruxelles il vicepresidente della Commissione Valdis Dombrovskis si mantiene freddo sull'ipotesi di un'intesa tra Roma e Bruxelles. "Nelle ultime settimane vediamo un cambio di tono, il Governo italiano è pronto a discutere e impegnarsi a cambiare la sua traiettoria di bilancio, ma non si tratta solo di cambiare il tono della discussione. Occorre una correzione consistente", ha spiegato Dombrovskis.

È poi arrivato il monito di un importante banca statunitense. L'Italia è fra i rischi che potrebbero complicare più del previsto lo scenario di mercato europeo nel 2019, con "la crisi di bilancio che rimane irrisolta e l'economia che ci aspettiamo flirterà con la recessione all'inizio del prossimo anno". Lo scrive Goldman Sachs in un rapporto nel quale conferma la stima di una crescita italiana ferma allo 0,4% il prossimo anno contro l'1% del consensus delle analisi e l’1,5% auspicato dal Governo. Ma su questo punto, persino il presidente di Confindustria, Vincenzo Boccia, è cauto ed etichetta le stime come “previsioni premature".

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com