Da Bruxelles in arrivo una lettera all'Italia per chiarimenti sul debito

Da Bruxelles in arrivo una lettera per chiarimenti sul debito
Sede della Commissione Europea a Bruxelles

Si profila un nuovo scontro tra il governo e l'Ue. Arriverà entro il fine settimana la lettera della Commissione Ue all'Italia che chiede chiarimenti sui “fattori rilevanti” che hanno portato all'aumento del debito. Anche altri Paesi, tra cui il Belgio, riceveranno una richiesta di chiarimenti.

L'Italia, che sarà ammonita sul rischio di sforamento dei conti già per il 2018 come indicato anche nelle ultime previsioni economiche, rischia una procedura di infrazione sul debito del 2018 che potrebbe aprire la strada a una sanzione da 3,5 di miliardi di euro.

Secondo Salvini, "di tagli ed eccesso di prudenza l'Italia ha rischiato di spegnersi" e il risultato delle elezioni è "un invito a fare il contrario di quello che ci è stato imposto fino all'anno scorso per il bene dell'Europa e dei mercati e l'Italia cresce se le aziende e i lavoratori pagano meno rispetto a quello che si paga oggi. Non siamo noi che vogliamo sforare. Se noi fossimo costretti a rispettare numeri e vincoli vecchi, il debito crescerebbe”. 

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com