Consob, Savona: "L'Italia è nella caverna di Platone, fare luce"

Il presidente della Consob: "Per la comunità europea e globale l'Italia non rappresenta un problema finanziario, ma una risorsa alla quale molti Paesi attingono per soddisfare le loro necessità"

Consob, Savona: "Il paese è nella caverna di Platone, fare luce"

"È come se l'Italia fosse collocata dentro 'la caverna di Socrate", dove le luci fioche della conoscenza che in essa penetrano proiettano sulle pareti un'immagine distorta della realtà. "È compito di chi riveste posizioni di vertice della politica, dell'economia e dei mezzi di informazione rafforzare la luce e abbassare i toni per ristabilire la fiducia Sul futuro del Paese". Lo afferma Paolo Savona.

Piccola svista del presidente della Consob che nel testo scritto del discorso al mercato finanziario cita il mito della "caverna di Platone" chiamandolo "caverna di Socrate". Un errore poi corretto durante l'intervento.

Secondo il presidente della Consob, "i giudizi non di rado espressi da istituzioni sovranazionali, enti nazionali e centri privati, appaiono prossimi a pregiudizi, perché resi su basi parametriche finanziarie convenzionali che non tengono conto dei due pilastri che reggono la nostra economia e società: la forza competitiva delle nostre imprese sul mercato globale e il nostro buon livello di risparmio."

"Il potere di valutare il rischio di rimborso dei titoli di Stato italiani si è trasferito sul mercato senza un adeguato contrasto alla speculazione, che non di rado trova alimento nell'attitudine delle autorità a usarlo come vincolo esterno per indurre gli Stati membri a rispettare i parametri fiscali concordati a livello europeo", ha aggiunto Savona, definendo "i sospetti sulla possibilità di insolvenza del nostro debito pubblico oggettivamente infondati".

Piuttosto, secondo il presidente della Consob, "per la comunità europea e globale l'Italia non rappresenta un problema finanziario, ma una risorsa alla quale molti Paesi attingono per soddisfare le loro necessità".

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com