Minibot, Giorgetti su Borghi: "Ancora gli date retta?"

Il sottosegretario leghista due settimane fa difendeva i titoli di Stato di piccolo taglio. Oggi sostiene: "Non sono verosimili"

Minibot, Giorgetti su Borghi: "Ancora gli date retta?"
Giancarlo Giorgetti

Una vera e propria retromarcia sul tema dei minibot. A farla è il sottosegretario leghista Giancarlo Giorgetti che, appena due settimane fa, difendeva i titoli di Stato di piccolo taglio definendoli come una delle "soluzioni possibili" per risolvere il problema dei debiti della Pubblica amministrazione. Ed esprimeva apprezzamento nei confronti del presidente della Commissione Bilancio alla Camera Claudio Borghi, autore della proposta sui minibot.

Poi il clamoroso dietrofront, dettato forse dall'ipotesi di una sua candidatura da parte del governo per un posto di commissario Ue. "C'è ancora chi crede a Borghi? Ma vi sembrano verosimili i minibot? Se si potessero fare, li farebbero tutti", commenta sferzante il sottosegretario.

Borghi da parte sua "incassa" con stile e commenta a Radio Capital: "Poverino, Giorgetti è lì che aspetta una cosa importante come le Olimpiadi e gli rompono le scatole con i minibot. È probabile che poi uno sbotti".

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com