Sconfiggere l’evasione fiscale (adesso) si può

Perché in Italia è così difficile ridurre l’evasione fiscale? È un problema tecnico o politico? Una cosa è invece certa: contrastare in modo esplicito un’evasione di massa come quella italiana può costare milioni di voti. È pur vero che il tessuto industriale italiano è composto per la stragrande maggioranza di piccole e medie imprese, che potrebbero non riuscire a sopportare un alto carico fiscale necessario a finanziare un sistema di welfare.

Sconfiggere l’evasione fiscale (adesso) si può

E, quindi, secondo alcuni l’evasione sarebbe un male inevitabile se non necessario.

In realtà, l’evasione potrebbe essere drasticamente ridotta in pochi anni. Ad esempio, la fatturazione elettronica è stata resa obbligatoria dal governo Gentiloni. Ma si sarebbe potuto introdurla anche prima. Poi il governo Conte, per quanto incompleta perché esclude un numero rilevante di transazioni e rimane senza sanzioni proporzionate, ha confermato la fatturazione elettronica che è in vigore dall’inizio dell’anno. I risultati (positivi) sono evidenti: il gettito Iva relativo agli scambi interni è salito di circa il 6% nei primi quattro mesi dell’anno.

L’innovazione consente già oggi il controllo puntuale del comportamento dei singoli contribuenti. La strada verso la fine dell’evasione di massa sembra ormai segnata.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com