Digital tax in vigore da gennaio. Ma l’aliquota è solo il 3%

La tassa sul web vale 1,3 miliardi, ma non è mai stata attuata

Digital tax in vigore da gennaio. Ma l’aliquota è solo il 3%

“Come è noto l’Italia ha la digital tax, noi la faremo entrare in vigore dal primo gennaio, è uno dei componenti della Manovra”. Così il ministro dell’Economia, Roberto Gualtieri, ha rilanciato il tema della tassazione dei gruppi del web al termine dell’Ecofin. La misura “c’era ma non è mai stata resa operativa”, ha spiegato Gualtieri. In effetti, già da due anni è stata istituita a norma di legge, con tanto di previsione di incassi per 1,35 miliardi.

Prevede un’aliquota del 3% del fatturato (con soglie di esenzione). Ma non è stata mai attuata.

Poi Gualtieri ha precisato che “non vogliamo solo la digital tax italiana ma vogliamo che sia collocata dentro una misura definita sul piano internazionale”. Poche ore prima è stato l’Ocse a fornire un assist al ministro dell’Economia. L’organizzazione con sede a Parigi ha promesso di mettere una nuova proposta sul tavolo (in merito alla digital tax) al prossimo G20.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com