Governo, accordo sul carcere agli evasori: sopra i 100 mila euro pene da 4 a 8 anni

In un lungo vertice a Palazzo Chigi i partiti di maggioranza trovano un’intesa sui temi più spinosi. A luglio la stretta sui contanti e le multe a chi non usa il Pos

Accordo sul carcere agli evasori: sopra i 100 mila euro pene da 4 a 8 anni

Dopo un vertice notturno la maggioranza esce con un accordo su alcuni provvedimenti che negli ultimi giorni avevano alzato il livello di scontro fra i partiti che sostengono il governo Conte.

La stretta sul prelievo dei contanti e le multe per i commercianti che non utilizzano il Pos sono state posticipate a luglio, mentre il carcere agli evasori andrà in vigore alla conversione in legge del dl.

Secondo il ministro della Giustizia Alfonso Bonafede sono previste pene “da 4 a 8 anni partendo da una somma evasa da 100 mila euro”.

Mentre sul regime forfettario per le partite Iva, altro tema caldo, se ne discuterà nei prossimi giorni.

Per quanto riguarda l’incentivo all’utilizzo della moneta elettronica in funzione antievasione a gennaio 2021 arriverà il ‘superbonus della Befana’ e premierà le spese effettuate con carte e bancomat a partire da luglio 2020.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com