Italia declassata a BBB-. Il debito a un gradino dal livello spazzatura

L’agenzia Fitch: “Il downgrade riflette il significativo impatto del coronavirus sull’economia italiana e sulla posizione di bilancio. Il Pil scende a -8% nel 2020 e il debito sale al 156%”

Declassata a BBB-. Il debito a un gradino dal livello spazzatura

Fitch taglia il rating dell’Italia a BBB-. “Il downgrade riflette il significativo impatto del coronavirus sull’economia italiana e sulla posizione di bilancio”. È quanto sostiene Fitch in una nota prevedendo una contrazione del Pil dell’8% nel 2020, con un debito al 156% e un deficit al 10%.

L’outlook, che invece resta stabile, riflette l’idea che gli acquisti della Bce faciliteranno la risposta dell’Italia alla pandemia e allenteranno i rischi di rifinanziamento. Fitch prevede, poi, una ripresa dell’economia nel 2021 con un Pil in crescita del 3,7%.

“In Italia le tensioni politiche sono riemerse nelle ultime settimane – scrive Fitch -. Riteniamo che le tensioni politiche si intensificheranno con il rilassamento graduale delle misure di lockdown e l’attenzione politica si sposterà sull’economia e la risposta comune europea alla crisi”.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com