I 3 comuni italiani dove si pagano più tasse? Reggio Calabria, Napoli e Salerno

Le città italiane dove si pagano mediamente meno tasse si trovano soprattutto al Nord-Est. E a fronte di una pressione fiscale maggiore, nei comuni meridionali il numero dei servizi offerti è inferiore rispetto a quelli settentrionali

I 3 comuni dove si pagano più tasse? Reggio Calabria, Napoli e Salerno
Reggio Calabria

Reggio Calabria è il comune d’Italia dove una famiglia in media si trova a pagare più tasse. L’ammontare complessivo di Irpef, Tasi, bollo auto, Tari e addizionali comunali e regionali all’Irpef arriva a 7.684 euro l’anno nella città meridionale.

In seconda e terza posizione troviamo Napoli (7.658 euro) e Salerno (7.648 euro). Al contrario, le città dove si pagano meno tasse si trovano soprattutto al Nord-Est. È il quadro tracciato dall’Eurispes, che ha anche realizzato un focus sulla Calabria. 

E se si prende in esame il fabbisogno standard* il confronto diventa emblematico, ad esempio, fra le due Reggio: quella emiliana e quella calabrese. Alla prima sono riconosciuti 139 milioni, mentre a Reggio Calabria 104 mln (in virtù del fatto che offre meno servizi), nonostante quest’ultima abbia 9 mila abitanti in più.

Un altro dato fa riflettere. La spesa pubblica effettuata dallo Stato nel settore della sanità, nel periodo 2000-2017, indica che ogni cittadino calabrese ha ricevuto in media 280 euro l’anno in meno rispetto a ciascun suo concittadino del Centro-Nord (e in particolare 501 euro l’anno in meno di un lombardo).

* I fabbisogni standard esprimono il peso specifico di ogni Ente locale in termini di fabbisogno finanziario, sintetizzando in un coefficiente di riparto i fattori di domanda e di offerta (il più possibile estranei alle scelte discrezionali degli amministratori locali) che meglio spiegano i differenziali di costo e di bisogno sul territorio nazionale.

A partire dal 2015 i fabbisogni standard dei Comuni, insieme alla stima della capacità fiscale, sono funzionali al riparto di una quota del fondo nazionale di solidarietà comunale, con l’obiettivo di superare gradualmente il criterio della spesa storica ritenuto una delle principali cause d’inefficienza nella gestione della spesa da parte dei governi locali e d’iniquità nella distribuzione delle risorse lungo il territorio.

 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com