Gualtieri: “La riforma fiscale si autofinanzierà”

Il ministro dell’Economia: “Meno tasse dalla lotta all’evasione e dal taglio delle agevolazioni. Non useremo il Recovery Fund”

Gualtieri: “La riforma fiscale si autofinanzierà”

“La riforma fiscale ha un costo strutturale a regime e non può essere finanziata con strumenti congiunturali come può essere il Recovery Fund ma dovrà essere autofinanziata”. Lo ha detto il ministro dell’Economia Roberto Gualtieri.

Le risorse - ha spiegato - arriveranno dalla “riforma delle tax expenditure e anche lavorando sul contrasto all’evasione: c’è molto spazio anche con il superamento di meccanismi di tassazione ambientale che rendano il sistema fiscale in linea con la nostra strategia green”.

La riforma fiscale punta a “proseguire sulla strada del taglio del cuneo fiscale per aumentare salari e stipendi - ha aggiunto il ministro - e, poi, a realizzare l’innovazione dell’assegno unico per sostenere la famiglia e la genitorialità”.

Invece, i soldi del Recovery Fund, “possono far aumentare la crescita economica”. Proprio parlando del Pil, Gualtieri ha sottolineato che nel terzo trimestre ci sarà un forte rimbalzo che permetterà di chiudere il 2020 non troppo sotto la previsione del -8% contenuta nel Def di aprile. 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com