Il debito tornerà sotto il 130% nel 2030

Il deficit sale al 10,3% del Pil nel secondo trimestre

Il debito tornerà sotto il 130% nel 2030

Nel secondo trimestre 2020 il deficit pubblico in rapporto al Pil è stato pari al 10,3% (0,0% nello stesso trimestre del 2019). Il saldo primario (indebitamento al netto degli interessi passivi) è risultato negativo, con un'incidenza sulla crescita economica del -5,9% (+4,1% nel secondo trimestre del 2019).

La pressione fiscale è stata pari al 43,2%, in crescita di 1,8 punti percentuali rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, mentre il reddito disponibile delle famiglie italiane, nel secondo trimestre 2020, è diminuito del 5,8% rispetto al trimestre precedente, con un crollo dei consumi dell’11,5%.

Per stimolare l’economia il governo punta tutto sul Recovery Fund. “Le simulazioni mostrano che con i fondi il trend di crescita permanente strutturale del Pil aumenterà tra 0,2 e 0,5 punti percentuali l’anno, a seconda dell’efficienza della spesa aggiuntiva”, ha spiegato giovedì il ministro dell’Economia.

Gualtieri ha poi aggiunto che il debito stimato al 158% nel 2020, nel percorso delineato dal governo, si ridurrà “l’anno prossimo al 155,8% del Pil”. Inoltre, “il combinato disposto della strategia programmatica del governo porta a un sentiero di riduzione graduale del debito che potrà tornare ai livelli pre-Covid, sotto il 130%, alla fine del decennio”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com