Pagamenti ai fornitori: 11 ministeri su 12 non rispettano la legge

La denuncia della Cgia

Pagamenti ai fornitori: 11 ministeri su 12 non rispettano la legge

Tra tutti i 12 ministeri che hanno un budget e una capacità di spesa, nel secondo trimestre di quest’anno solo quello degli Esteri (-17 giorni) ha pagato in anticipo i propri fornitori rispetto alle scadenze previste dalla legge . Gli altri 11, invece, hanno onorato le proprie spettanze in ritardo o non hanno ancora aggiornato i dati. A rilevarlo è la Cgia di Mestre.

Inadempienza, quest’ultima, altrettanto grave quanto lo “sforamento” dei tempi di pagamento – spiega la Cgia - perché anche in questo caso ci troviamo di fronte a una violazione della legge per la mancata pubblicazione dei dati, non consentendo a soggetti terzi di verificare l’efficienza della Pubblica Amministrazione.

E il quadro generale si sta aggravando: se nel primo trimestre di quest’anno solo tre ministeri erano riusciti a rispettare i tempi di pagamento, nel trimestre successivo solo uno ha liquidato i fornitori in anticipo.

Dove si sono verificate le situazioni più critiche? Secondo i conteggi della Cgia, il dicastero dei Beni Culturali tra aprile e giugno di quest’anno ha saldato i propri fornitori con un ritardo medio di 30 giorni, le Infrastrutture dopo 49 giorni, l’Ambiente dopo 53, le Politiche Agricole dopo 61 e l’Interno dopo 62.

Altri, invece, non hanno ancora aggiornato i dati sul proprio sito internet. È il caso dei ministeri dell’Istruzione/Università, della Salute e della Giustizia: gli ultimi due non hanno nemmeno pubblicato il dato riferito al primo trimestre.

Eppure, la Cgia ricorda che i ministeri sono obbligati per legge, come del resto tutti gli altri enti pubblici, a inserire trimestralmente nel loro sito l’ “Indicatore di Tempestività dei Pagamenti”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com