‘Sostegni bis’, Mattarella firma ma avverte: “Stop alla decretazione insostenibile”

Per il presidente della Repubblica, che ha scritto una lettera al premier e ai presidenti di Camera e Senato, sono troppe le norme non urgenti: “Basta o valuterò rinvio decreti alle Camere”

‘Sostegni bis’, Mattarella avverte: “Stop alla decretazione insostenibile”

Il monito arriva dal presidente della Repubblica. Sergio Mattarella, dopo aver firmato la legge sui ‘sostegni bis’, ha accompagnato la promulgazione con una lettera al Parlamento e al governo in cui mette in guardia sull’eccessivo uso di emendamenti con norme fuori tema.

Nella missiva inviata ai presidenti di Senato e Camera, Maria Elisabetta Alberti Casellati e Roberto Fico, e al premier Mario Draghi, il Capo dello Stato ricorda le forme costituzionalmente corrette della legiferazione d’urgenza. Tra i punti critici segnalati da Mattarella emerge il ricorso alla prassi del maxiemendamento su cui il governo pone la questione di fiducia.

Per il presidente della Repubblica è necessario “rimuovere questa prassi” e “per quanto riguarda le mie responsabilità, valuterò l’eventuale ricorso alla facoltà prevista dall’articolo 74 della Costituzione nei confronti di leggi di conversione di decreti-legge caratterizzati da gravi anomalie che mi venissero sottoposti”.

“Il testo che mi è stato trasmesso - osserva Mattarella - contiene 393 commi aggiuntivi, rispetto ai 479 originari. Tra le modifiche introdotte ve ne sono alcune che, alla luce del disposto costituzionale e della ricordata giurisprudenza costituzionale, sollevano perplessità in quanto perseguono finalità di sostegno non riconducibili all’esigenza di contrastare l’epidemia e fronteggiare l’emergenza, pur intesa in senso ampio, ovvero appaiono del tutto estranee, per finalità e materia, all’oggetto del provvedimento”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com