Nella Regione Lazio oltre il 42% dei Comuni è in deficit finanziario

I dati che si rilevano dall’analisi condotta sui Rendiconti delle gestioni 2020 (fonte BDAP) evidenziano che oltre il 42% dei Comuni della Regione si trovano in disavanzo di amministrazione (deficit finanziario). La causa è l’incapacità degli Enti locali di riscuotere i crediti o l’infedeltà tributaria dei cittadini?

Nella Regione Lazio oltre il 42% dei Comuni è in deficit finanziario

Negli ultimi 5 anni i Comuni della Regione Lazio hanno subito un profondo declino finanziario. I dati che si rilevano dall’analisi condotta sui Rendiconti delle gestioni 2020 (fonte BDAP) evidenziano che oltre il 42% dei Comuni della Regione si trovano in disavanzo di amministrazione (deficit finanziario).

La situazione risulta ancora più drammatica se i numeri vengono analizzati per singole Province. In ordine crescente troviamo Rieti 23%, Viterbo 30%, Frosinone 41%, Roma 57%, e Latina 60%. La situazione è inoltre andata progressivamente peggiorando nel corso degli anni (e in questo caso il Covid-19 non sembra entrarci molto).

Dalla sommatoria complessiva degli avanzi/disavanzi di amministrazione di tutti i Comuni laziali emerge che quest’ultimi, alla data del 31.12.2020, presentano un saldo negativo (disavanzo di amministrazione) di -1,263 miliardi di euro.

I Dirigenti, Revisori dei Conti e Segretari Comunali attraverso i controlli interni introdotti dalla normativa vigente, esercitano la regolarità amministrativa/contabile degli atti. Questo strumento però si sta dimostrando poco efficace ad evitare il deficit finanziario.

Il punto centrale è: chi sono i responsabili di questa situazione? I Sindaci e/o gli organi gestionali dell’Ente? O c’è anche, forse soprattutto, un problema di infedeltà? Dall’analisi dei Rendiconti 2020 si può legittimamente sostenere che un ruolo rilevante in negativo viene svolto da una quota significativa di cittadini/contribuenti, i quali continuano a manifestare una sorta di allergia verso l’adempimento dei doveri tributari. I Bilanci degli anni 2016-2020 evidenziano una tendenza all’incremento dei crediti tributari e patrimoniali ancora da incassare, che passano da circa 8 a 9,2 miliardi di euro. In 5 anni incrementata la massa di residui attivi del 15,24% pari a 1,218 miliardi di euro.

E il fatto che taluni possano obiettare che si tratta di un comportamento comprensibile alla luce del presunto alto livello di imposizione fiscale e-o dello sconfortante rapporto tra tributi incassati e servizi resi alla popolazione, non è un un’argomentazione valida affinché la situazione migliori.

Il risultato? Le amministrazioni si trovano sempre più in difficoltà in un contesto che vede i livelli di indebitamento salire, disegnando una spirale negativa dalla quale risulta sempre più difficile venirne fuori, come dimostra l’evidenza empirica. Ogni cittadino della Regione Lazio (la cui popolazione complessiva ammonta a circa 5,9 mln di persone) ha un debito pro-capite pari a 1.566,00, da tasse, imposte e servizi, solo nei confronti dei Comuni Laziali.

Nonostante le norme sempre più stringenti introdotte dal legislatore in ordine agli accantonamenti imposti nei bilanci sui crediti di dubbia esigibilità e sul contenimento delle spese connesse, di questo passo la situazione non può certamente migliorare. Infatti la necessità di dover recuperare i disavanzi di amministrazione spinge gli Enti alla ricerca di nuove risorse di entrata da iscrivere in bilancio, al fine di garantire servizi qualitativamente e quantitativamente soddisfacenti. Ma come in un girone dell’Inferno dantesco, queste potrebbero tuttavia rivelarsi altamente inesigibili andando cosi a incrementare non solo i fondi di accantonamento e i disavanzi, ma anche gli stessi crediti da incassare.

La fotografia scattata su tutti i Comuni laziali (e riportata nelle tabelle 4 e 5), in merito alla capacità di riscossione dei crediti sia a competenza che a residuo (recupero evasione), è in tal senso eloquente e ci ricorda che, sebbene sia possibile addossare a numerose amministrazioni specifiche responsabilità, è altrettanto vero che i contribuenti sono chiamati a fare la loro parte. E finché ciò non avverrà, come in ogni circolo vizioso, anche l’Ente locale più efficace ed efficiente rischia di trovarsi a fronteggiare innumerevoli difficoltà (finanziarie, gestionali e politiche).

Di seguito è disponibile in allegato la tabella riassuntiva della situazione per tutti i Comuni del Lazio.


Comuni-Regione-Lazio.pdf
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Ancora un record per il debito pubblico: 2.734,4 mld

Ancora un record per il debito pubblico italiano: 2.734,4 miliardi

Finanza pubblica
Riforma del Catasto, croce o delizia per i Comuni?
quoted business

Riforma del Catasto, croce o delizia per i Comuni?

Finanza pubblica
quoted business

Italia, la riforma del catasto attribuirà valori di mercato agli immobili. Ma non ai fini fiscali

Draghi: “Nessuno pagherà di più o dimeno. È una operazione di trasparenza, ma non cambia l’imposizione fiscale sugli immobili e sui terreni”. Il governo, che deve tenere conto dei malumori della Lega, rinvia al prossimo esecutivo la scelta se e come variare la tassazione. [continua ]

Finanza pubblica
quoted business

Conti fuori controllo. I Comuni di Napoli, Roma e Torino verso il tracollo finanziario?

Elezioni amministrative del 3-4 Ottobre 2021. Analisi della situazione finanziaria nei Comuni di cinque grandi città (Bologna, Milano, Napoli, Roma e Torino) e le eredità che lasciano le amministrazioni uscenti. Da un lato emerge una diffusa difficoltà nell’adattamento ai nuovi principi contabili utilizzati nelle fasi della “programmazione, gestione, rendicontazione” dei bilanci comunali, dall’altro una strutturale incapacità di riscossione dei crediti sia tributari che patrimoniali. Il risultato? Profondi buchi nei conti [continua ]

Finanza pubblica
Nuovo record del debito pubblico: 2.726 miliardi di euro

Italia, nuovo record del debito pubblico: 2.726 miliardi di euro

Finanza pubblica
“Aggiornare gli archivi del catasto per un fisco più equo”

“Aggiornare gli archivi del catasto per un fisco più equo”

Finanza pubblica

Indicatori

L'andamento del debito pubblico come percentuale del Pil in Italia, Francia, Germania, Giappone, Regno Unito, Stati Uniti

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com