La Germania discute su come uscire dalla crisi pandemica

Un alto dirigente della Cdu propone la sospensione della legge costituzionale sul tetto al debito pubblico. L’alternativa è l’aumento delle tasse o il taglio ai servizi. Ma la proposta avanzata da un fedelissimo di Merkel incontra l’opposizione della maggior parte del suo partito (Cdu-Csu)

La prima economia europea discute su come uscire dalla crisi

Con l’inizio delle vaccinazioni si intravede in Germania la luce alla fine del tunnel pandemico, anche se i ritardi nella consegna dei vaccini e le mutazioni del virus stanno creando nuove incertezze. Ma possiamo ancora essere ottimisti sul fatto che, man mano che la vaccinazione progredisce quest’anno, la pandemia perderà gradualmente forza.

Ecco perché è giunto il momento di sviluppare una strategia comune affinché l’economia tedesca si riprenda rapidamente e in modo sostenibile da questa crisi. O quantomeno è cio’ che pensa un alto dirigente della Cdu, fedelissimo di Angela Merkel, il medico 48enne Helge Braun.

In un articolo su Handelsblatt Braun ha chiesto la sospensione della regola che impone un freno al debito pubblico per alcuni anni tanto cara a Berlino. L’idea ha tuttavia incontrato l’opposizione della maggior parte del suo partito (Cdu-Csu), mentre il ministro delle Finanze e membro dell’Spd Olaf Scholz ha accolto la proposta di Braun.

In ogni caso i tedeschi sanno che anche per loro i margini di manovra non sono amplissimi. Se non si vuole tagliare la spesa pubblica e ridurre gli investimenti, l’alternativa all’aumento del debito è l’incremento della pressione fiscale. E quest’ultima è un’opzione che la stessa Cdu vorrebbe evitare per non rischiare di rallentare la ripresa dell’economia.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com