Fontana in auto-isolamento: una collaboratrice positiva al virus

Il governatore della Lombardia: “Da oggi qualcosa cambierà perché anche io mi atterrò alle istruzioni date dall'Istituto Superiore della Sanità. Per due settimane cercherò di vivere in sorta di auto-isolamento che soprattutto preservi le persone che lavorano con me”

Fontana in auto-isolamento: una collaboratrice positiva
Il governatore della Lombardia Attilio Fontana

Una collaboratrice di Attilio Fontana è risultata positiva al coronavirus. E il governatore della Lombardia si mette in auto-isolamento. “Da oggi qualcosa cambierà - dice in un video su Facebook - perché anche io mi atterrò alle istruzioni date dall'Istituto Superiore della Sanità, per cui per due settimane cercherò di vivere in sorta di auto-isolamento che soprattutto preservi le persone che lavorano con me”.

“Oggi ho già passato tutta la giornata indossando per precauzione la mascherina – spiega - e continuerò a farlo nei prossimi giorni per evitare che qualcuno, se mai dovessi positivizzarmi, possa essere da me a sua volta contagiato”.

“Quindi quando mi vedrete nei prossimi giorni in questo modo non spaventatevi – aggiunge -. Sono sempre io e sono pronto a difendere tutti gli altri lombardi che verranno in contatto con me da ogni possibile infezione”.

“Io mi auguro che ce ne sarà bisogno per poco tempo - conclude - perché sono convinto che con l'impegno che stiamo mettendo noi e stanno mettendo tutti i cittadini nello spazio di pochi giorni riusciremo a rallentare la diffusione del virus e poi a interromperla. Comunque ce la metto tutta e sono fiducioso del lavoro che stiamo facendo”.

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com