L’Istituto superiore di sanità: “Il contagio è avvenuto in Italia. Solo 3 casi dalla Cina”

Iss: “Non è possibile ricostruire per tutti i pazienti la catena di trasmissione dell'infezione”

L’Iss: “Contagio avvenuto in Italia. Solo 3 casi dalla Cina”

La trasmissione dell'infezione da coronavitus “è avvenuta in Italia per tutti i casi, ad eccezione dei primi tre segnalati dalla Regione Lazio che si sono verosimilmente infettati in Cina”. Lo suggerisce l’indagine epidemiologica condotta dall’Istituto Superiore di Sanità.

È stata poi segnalata dalla Regione Lombardia, rileva l’Istituto “una persona di nazionalità iraniana, tuttavia non è stato indicato dove possa essere avvenuto il contagio anche se la persona si è verosimilmente infettata in Iran”.

Attualmente, si legge nel documento(basato sulla situazione alle 10 del 9 marzo), “non è possibile ricostruire per tutti i pazienti la catena di trasmissione dell'infezione. La maggior parte dei casi segnalati in Italia riportano un collegamento epidemiologico con altri casi diagnosticati in Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, le zone più colpite dall’epidemia.”

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com