I medici di famiglia di Bergamo: “Non c’è più la sanità pubblica”

A Bergamo ci sarebbero 100 mila contagiati su una popolazione (a livello provinciale) di 1,1 milioni

I medici di famiglia di Bergamo: “Non c’è più la sanità pubblica”
Bergamo

“Solo a Bergamo 100 mila contagiati”. Ne è convinto Mirko Tassinari, segretario dei medici di famiglia della provincia lombarda funestata dal Covid-19.

Tassinari spiega a La Stampa che i numeri ufficiali non lo convincono. E attacca: “Si fanno tamponi solo ai ricoverati, ma qui stimiamo 100 mila positivi non censiti su 1 milione di abitanti”. E anche la narrazione ‘positiva’ del calo dei ricoveri nasconderebbe a suo dire una triste verità: “Scendono perché non c’è più posto in ospedale”.

A cio' aggiunge un’odissea divenuta normalità. “Una bombola di ossigeno dura in media 12-24 ore. Poi bisogna cambiarla, ma l’Asl non lo fa. Deve vedersela il paziente. È una caccia al tesoro, i parenti dopo 20 tentativi nelle farmacie magari la trovano” .

Così non va. E il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, è da molti giorni che ripete a cosa stanno andando incontro (secondo lui) molti concittadini intrappolati nelle loro case. Una morte lenta, alla ricerca di un’aria che non c’è più. 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com