I medici di famiglia di Bergamo: “Non c’è più la sanità pubblica”

A Bergamo ci sarebbero 100 mila contagiati su una popolazione (a livello provinciale) di 1,1 milioni

I medici di famiglia di Bergamo: “Non c’è più la sanità pubblica”
Bergamo

“Solo a Bergamo 100 mila contagiati”. Ne è convinto Mirko Tassinari, segretario dei medici di famiglia della provincia lombarda funestata dal Covid-19.

Tassinari spiega a La Stampa che i numeri ufficiali non lo convincono. E attacca: “Si fanno tamponi solo ai ricoverati, ma qui stimiamo 100 mila positivi non censiti su 1 milione di abitanti”. E anche la narrazione ‘positiva’ del calo dei ricoveri nasconderebbe a suo dire una triste verità: “Scendono perché non c’è più posto in ospedale”.

A cio' aggiunge un’odissea divenuta normalità. “Una bombola di ossigeno dura in media 12-24 ore. Poi bisogna cambiarla, ma l’Asl non lo fa. Deve vedersela il paziente. È una caccia al tesoro, i parenti dopo 20 tentativi nelle farmacie magari la trovano” .

Così non va. E il sindaco di Bergamo, Giorgio Gori, è da molti giorni che ripete a cosa stanno andando incontro (secondo lui) molti concittadini intrappolati nelle loro case. Una morte lenta, alla ricerca di un’aria che non c’è più. 

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com