Il Covid-19 può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa (nei contagiati asintomatici)

Ricerca italiana su Radiology. Dopo la fine della quarantena nella zona rossa in provincia di Lodi, un campione di cittadini (asintomatici) si sono sottoposti alla radiografia del torace. Il 59% ha mostrato lesioni del polmone tipiche della malattia

Il Covid-19 può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa

Persone sane, ma con la polmonite. Un’altra sorpresa amara del coronavirus è che nei contagiati asintomatici può danneggiare i polmoni anche in maniera silenziosa.

Secondo le stime dell'Istituto Superiore di Sanità, i positivi senza disturbi sono circa il 30% del totale. E osservazioni casuali, ma ormai numerose, dimostrano che gli asintomatici possono anche essere ignari di avere il virus, ma i loro polmoni no.

Alla tac o alla radiografia mostrano le opacità tipiche della malattia, anche se non estese come nei pazienti in condizioni più gravi.

Ad accorgersene oggi sono i radiologi di Codogno, che hanno pubblicato le loro osservazioni sulla rivista Radiology con i colleghi dell’Istituto Galeazzi di Milano e delle università di Milano, Pavia e Palermo.

Molti cittadini, seppur in assenza di sintomi, preoccupati per la circolazione diffusa del virus, si sono spontaneamente sottoposti a radiografie al torace. Il risultato è sorprendente: il 59% ha mostrato le lesioni del polmone tipiche della malattia.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com