Test di massa nella bassa Val Seriana: il 41,8% ha avuto il Covid

Test di massa nella bassa Val Seriana: il 41,8% ha avuto il Covid

Il 41,8% degli abitanti della Bassa Valle Seriana ha avuto il Covid19. È il risultato dello screening condotto attraverso i test sierologici di massa nella bergamasca, dove si trovano i comuni di Nembro, Albino e Alzano, che avrebbero dovuto far parte della ‘zona rossa’ che non fu mai istituita. Sono 22.559 i test effettuati nel corso della campagna. I prelievi hanno dato esito negativo per il 57,8% dei casi e la quota di positività è del 41,8%. Per lo 0,4% l’esito resta incerto..

Il 41,8% degli abitanti della Bassa Valle Seriana ha avuto il coronavirus. È il risultato dello screening condotto attraverso i test sierologici di massa nella Bergamasca, dove si trovano i comuni di Nembro, Albino e Alzano, che avrebbero dovuto far parte della ‘zona rossa’ che non fu mai istituita. Sono 22.559 i test sierologici effettuati nel corso della campagna. I prelievi hanno dato esito negativo per il 57,8% dei casi, la quota di positività è del 41,8%, mentre c'è dubbio sul restante 0,4%.

Successivamente, sui soggetti risultati positivi al Covid-19 sono stati processati 8.979  tamponi, e solo 154, pari all’1,7%, sono attualmente positivi. È risultato debolmente positivo lo 0,4% e negativo il 97,9%.

Tra i tre centri maggiormente colpiti dall’epidemia di Covid19, Nembro presenta una positività sierologica pari al 48,8%, Albino del 42,6% e Alzano Lombardo del 34,8%. 

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com