Oms: “Nel 2021 non ci saranno vaccini per tutti”

Soumya Swaminathan: “Una persona giovane e sana dovrà aspettare fino al 2022 per essere vaccinata”

Oms: “Nel 2021 non ci saranno vaccini per tutti”
Soumya Swaminathan

I giovani dovranno attendere fino al 2022 per ricevere un vaccino contro il Covid-19. La produzione iniziale dovrà essere assegnata in via prioritaria ai gruppi a più alto rischio. Lo ha dichiarato il capo scienziato dell’Oms Soumya Swaminathan.

“Le persone pensano che il primo gennaio ci sarà un vaccino e che le cose torneranno alla normalità, ma le cose non saranno così – spiega Swaminathan -. Nessuno ha mai prodotto vaccini nei volumi che saranno necessari, quindi nel 2021 speriamo di avere vaccini, ma in una quantità limitata”.

Motivo per il quale i primi vaccinati saranno gli operatori sanitari che sono in prima linea nella lotta alla pandemia e che poi toccherà agli anziani e alle persone più vulnerabili. “Una persona giovane e sana dovrà aspettare fino al 2022 per essere vaccinata”, ha chiarito la scienziata.

E “fino a quando non avremo i risultati della fase 3 non sapremo quali e quanti di questi vaccini saranno sicuri, efficaci e proteggeranno per un lungo periodo”, ha aggiunto Swaminathan.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com