Cartabellotta: “Misure troppo blande. Il virus è più veloce della politica”

Il presidente della Fondazione Gimbe: “Gli effetti di tali misure saranno difficilmente misurabili perché neutralizzati sia dall’incremento esponenziale dei contagi sia dall’ulteriore sovraccarico dei servizi sanitari dovuto alla stagione influenzale”

Cartabellotta: “Misure troppo blande. Il virus è più veloce della politica”
Nino Cartabellotta, presidente della fondazione Gimbe

Sale ancora in Italia la curva dei contagi: 11.705 nuovi casi nelle ultime 24h. E aumentano i decessi (69). L’incremento nonostante la diminuzione dei tamponi (146.837). Questi i numeri sempre più preoccupanti.

Poi c’è la politica. E qui l’analisi di Nino Cartabellotta, presidente della fondazione Gimbe, è senza sconti. “Le misure (locali e nazionali, ndr) sono troppo blande rispetto alla velocità di ascesa della curva del contagio, oltre che tardive perché i numeri odierni riflettono comportamenti di 2-3 settimane fa – spiega -. Peraltro, gli effetti di tali misure saranno difficilmente misurabili perché neutralizzati sia dall’incremento esponenziale dei contagi, sia dall’ulteriore sovraccarico dei servizi sanitari dovuto alla stagione influenzale”. 

“Più in generale le misure restrittive non possono inseguire i numeri del giorno – spiega Cartabellotta - ma devono essere commisurate alla proiezione della curva dei contagi a 3-4 settimane. Altrimenti, i tempi della politica e della burocrazia, mettono il turbo ad un virus già velocissimo”. “Purtroppo - sottolinea il presidente della fondazione - il trend da lineare è diventato esponenziale. Siamo in una fase di circolazione del virus molto sostenuta, documentata dall’impennata del rapporto tra positivi e casi testati: la media nazionale negli ultimi 7 giorni è dell’8% con punte del 22,8% in Valle d’Aosta e del 18,8% in Liguria”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com