Chi è il neo ministro dell’Economia?

Daniele Franco è un uomo di Bankitalia

Chi è il neo ministro dell’Economia?
Daniele Franco

Daniele Franco è un uomo di Bankitalia e il suo nome è profondamente legato con quello dell’Istituto.

Nato a Tricania (Belluno) il 7 giugno del 1953, Daniele Franco consegue la laurea in Scienze Politiche presso l’Università di Padova nel 1977, mentre nel 1978 conclude con successo un master in Organizzazione aziendale presso il Consorzio Universitario di Organizzazione Aziendale della città patavina.

Il suo percorso di studi prosegue nel Regno Unito, dove consegue il Master of Science in economia. Viene assunto in Bankitalia nel 1979. Fino al 1994 opera presso il Servizio Studi e fino al 1997 ricopre la carica di Consigliere Economico presso la Direzione Generale degli Affari Economici e Finanziari della Commissione Europea.

Dopo la partentesi internazionale torna in Bankitalia questa volta nelle vesti di direttore della Direzione Finanza Pubblica del Servizio Studi.

Dal 2013 al 2019 è stato Ragioniere generale dello Stato, e dal 20 maggio del 2019 è Vice Direttore Generale della Banca d’Italia.

Dall’inizio del 2020 è Presidente dell’IVASS, Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni.

Da febbraio è ministro dell’Economia del governo Draghi.

quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com