Chi era Antonio Catricalà. Un ragazzo cresciuto in fretta

Dall’Antitrust agli Aeroporti di Roma: una carriera ai vertici

Chi era Antonio Catricalà. Un ragazzo cresciuto in fretta

Antonio Catricalà, trovato morto suicida nella sua abitazione a Roma, nel quartiere Parioli, era un uomo in qualche modo simile a Mario Draghi: entrambi riservati e austeri nell’atteggiamento. Uomini che non lasciano trasparire le emozioni.

Catricalà, 69 anni appena compiuti, catanzarese, aveva costruito una carriera prestigiosa. A ventidue anni si era laureato con lode in giurisprudenza a Roma ed era stato nominato, a seguito di pubblico concorso, assegnista universitario presso la prima cattedra di istituzioni di diritto privato, università La Sapienza, facoltà di Giurisprudenza, con Pietro Rescigno.

Per due anni aveva studiato economia, sociologia, storia e scienza dell’amministrazione presso l’Istituto Luigi Sturzo di Roma, allievo di Federico Caffè. E qui ritorna la similitudine con Draghi. A 24 anni inizia la carriera in magistratura che lo porterà a superare i concorsi pubblici per procuratore dello Stato, avvocato dello Stato (a 27 anni) e infine consigliere di Stato.

La svolta pubblica della sua carriera arriva nel 2005 quando viene nominato dal governo Berlusconi presidente dell’Autorità garante della concorrenza e del mercato, incarico che ricoprirà fino al novembre 2011, quando diventa sottosegretario di Stato alla presidenza del Consiglio dei ministri del governo Monti, che lo vuole accanto nell’intraprendere una breve stagione di liberalizzazioni. Al governo resterà anche col premier Enrico Letta che gli conferirà, nel maggio 2013, il ruolo di viceministro al ministero dello Sviluppo Economico.

Nel mese di settembre 2014 viene candidato dal centrodestra alla carica di giudice della Corte costituzionale in sostituzione del giudice Luigi Mazzella di area centrodestra, anche qui sostenuto dal Cavaliere. Ma nella gara qualcosa va storto e sarà costretto a ritirare la propria candidatura. Pochi mesi dopo, dà le dimissioni da presidente di Sezione del Consiglio di Stato per riprendere la carriera di avvocato, fondando la sua Law Academy.

Nel 2017 accetta il ruolo di presidente della Società Adr Aeroporti di Roma e, pochi giorni fa, quella di presidente dell’Istituto Grandi Infrastrutture.

Lascia una moglie e due figlie.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com