C’è troppo piombo nel sangue di 20 mln di bimbi (delle economie più avanzate)

La maggior parte dei Paesi ricchi non solo non riesce a fornire ambienti sani ai bambini all’interno dei propri confini, ma contribuisce anche alla distruzione degli ambienti in cui vivono i bambini in altre parti del mondo

C’è troppo piombo nel sangue di 20 mln di bimbi

Oltre 20 milioni di bambini che vivono nei 39 Paesi dell’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (Ocse) e dell’Unione europea hanno livelli elevati di piombo nel loro sangue, una delle sostanze tossiche ambientali più pericolose. È quanto emerge dall’ultima Report Card pubblicata dal Centro di Ricerca Unicef Innocenti.

Finlandia, Islanda e Norvegia si posizionano nel primo terzo della classifica nel fornire un ambiente sano per i loro bambini, salvo poi finire nell’ultimo terzo nella classifica per quanto riguarda “il mondo in generale”, con alti tassi di emissione, rifiuti elettronici e consumi. In Islanda, Lettonia, Portogallo e Regno Unito, 1 bambino su 5 è esposto a umidità o muffa a casa; il rapporto sale a 1 su 4 in Ungheria, Turchia e a Cipro.

Molti bambini respirano aria tossica sia fuori che dentro le loro abitazioni. Il Messico è uno dei paesi con il maggior numero di anni di vita in buona salute persi a causa dell’inquinamento dell’aria, equivalente a 3,7 anni per 1.000 bambini, mentre Finlandia e Giappone evidenziano il più basso (0,2 anni). In Belgio, Repubblica Ceca, Israele, Paesi Bassi, Polonia e Svizzera oltre 1 bambino su 12 è esposto a elevato inquinamento da pesticidi, un fattore collegato al cancro, compresa la leucemia infantile, e può danneggiarne i sistemi nervoso, cardiovascolare, digestivo, riproduttivo, endocrino, sanguigno e immunitario.

Gran parte dei paesi ricchi sta così creando condizioni malsane, pericolose e nocive per i bambini di tutto il mondo. Il rapporto presenta indicatori come l’esposizione a inquinanti nocivi, tra cui aria tossica, pesticidi, umidità e piombo; l’accesso alla luce, agli spazi verdi e a strade sicure; il contributo degli Stati alla crisi climatica, al consumo di risorse e allo smaltimento dei rifiuti elettronici; e conclude che se tutti i cittadini del mondo consumassero le risorse al ritmo dei paesi dell’Ocse e dell’Ue, sarebbe necessario l’equivalente di 3,3 pianeti come la Terra per mantenere i livelli di consumo. E se invece tutti consumassero le risorse al ritmo di Canada, Lussemburgo e Stati Uniti, sarebbero necessari almeno 5 pianeti.

“La maggior parte dei Paesi ricchi non solo non riesce a fornire ambienti sani ai bambini all’interno dei propri confini, ma contribuisce anche alla distruzione degli ambienti in cui vivono i bambini in altre parti del mondo - ha spiegato Gunilla Olsson, direttore del Centro di ricerca Unicef Innocenti -. In alcuni casi, vediamo che i paesi che forniscono ambienti relativamente sani per i bambini nel proprio paese sono tra i maggiori responsabili dell’inquinamento che distrugge gli ambienti dei bambini all’estero”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

Ogni 4 minuti nascono 1.000 bambini a livello globale

Ogni 4 minuti nascono 1.000 bambini nel mondo

Economia

Così le economie avanzate sottraggono risorse al Sud del mondo

Le disuguaglianze tra Nord e Sud del mondo sarebbero figlie dello scambio ineguale. Una teoria che un nuovo studio prova a tradurre in cifre. Nel 2015 il Nord del mondo si è appropriato di 12 miliardi di tonnellate di materie prime, 822 milioni di ettari di terreno, 21 exajoule di energia, 188 milioni di anni di lavoro. Tutte risorse che sono incorporate nei beni e che, tradotte in denaro, avrebbero un prezzo di 10.800 miliardi di dollari. Abbastanza per porre fine alla povertà estrema. [continua ]

Economia

Per vedere una foto di ciascun abitante sulla Terra per un secondo occorrono 253 anni

La popolazione mondiale ha raggiunto quota 8.000.000.000 di persone. L’India si accinge a superare la Cina. Nel 2037 il numero salirà a 9 miliardi, ma il tasso di crescita sta rallentando. Il mondo potrebbe presto scoprire che il vero problema sarà la decrescita demografica. [continua ]

Life

L’ipocrita doppio standard europeo sui pesticidi

L’Europa li vieta, ma continua a produrli e a venderli ai paesi in via di sviluppo. Che spesso esportano i loro prodotti agricoli nei paesi ricchi. E qui il cerchio si chiude: i pesticidi sono bannati dall’Ue, ma i cittadini europei finiscono per mangiarli lo stesso (almeno in parte). [continua ]

Life
Gobba, mano ad artiglio e cervello piccolo: tra mille anni saremo così

Gobba, mano ad artiglio e cervello piccolo: tra mille anni saremo così

Life
La valorizzazione del pluralismo religioso favorisce la coesione sociale?

La valorizzazione del pluralismo religioso favorisce la coesione sociale?

Life

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com