Angela Merkel e la matematica: una spiegazione perfetta su contagi e decessi in Germania

Angela Merkel, che ha una laurea in fisica e un dottorato in chimica quantistica, ha illustrato un modello matematico per spiegare perché in Germania sono stati registrati meno di 4.000 morti

Angela Merkel ha una laurea in fisica e un dottorato in chimica quantistica. Ed è ricorsa a suoi studi per spiegare quanto stia accadendo in Germania, parlando di un “successo intermedio fragile” e illustrando con un modello matematico perché è importante che la curva dei contagi resti più piatta possibile nel lungo periodo.

Ecco perché la Germania ridurrà lentamente le misure di lockdown (in realtà alcuni negozi riapriranno a partire dalla prossima settimana e le scuole il 4 maggio), nonostante il numero di morti da Covid-19 sia molto inferiore a quello registrato ad esempio in Italia, Francia e Spagna.

Sono 3.850 (dati del 16 aprile 2020) i deceduti in territorio tedesco. Per gli esperti la differenza si deve anche al sistema di tracciamento dei casi positivi da parte della sanità tedesca, che ha effettuato fin dall’inizio dell'epidemia un elevato numero di tamponi.

Questo ha permesso di interrompere le catene di contagio. Il 9 aprile la Germania aveva già effettuato 1.3 milioni di tamponi contro gli 807.000 effettuati in Italia a partire dal 21 febbraio scorso e fino alla data in oggetto.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com