Il presidente tedesco in quarantena. Merkel: “Vi prego, state a casa”

Nuovo record di positivi in Germania dall’inizio della pandemia. La cancelliera: “Rinunciate a viaggi e festeggiamenti che non siano assolutamente necessari. Per favore quand’è possibile rimanete al vostro domicilio”

Il presidente tedesco in quarantena. Merkel: “Vi prego, state a casa”
Frank-Walter Steinmeier

Frank-Walter Steinmeier si è messo in quarantena dopo che una delle sue guardie del corpo è risultata positiva. Lo ha reso noto un portavoce dell’Ufficio del presidente federale a Berlino.

Le autorità sanitarie tedesche hanno registrato 7.830 nuovi casi di coronavirus nelle ultime 24 ore, segnando un nuovo record per la Germania dall’inizio della pandemia. Secondo quanto riferito dal Robert Koch Institute (Rki), l’aumento dei casi è stato di quasi 500 unità, rispetto al precedente dato di 7.334 nuove infezioni.

“Adesso dobbiamo fare di tutto perché il virus non si diffonda in maniera incontrollata. Conta ogni giorno”. È l’appello di Angela Merkel ai tedeschi nel suo video-podcast del sabato. “Vi prego:rinunciate a viaggi e festeggiamenti che non siano assolutamente necessari. Per favore quand’è possibile rimanete a casa, al vostro domicilio”, aggiunge la cancelliera.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com