Merkel: “Abbiamo commesso degli errori nel contenimento del contagio”

La cancelliera: “Le mutazioni del Covid diventeranno presto prevalenti e prenderanno il posto del virus originario”

Merkel: “Abbiamo commesso degli errori”

Angela Merkel chiedeva una serie di dure misure: lockdown prolungato fino a metà marzo e oltre, scuole chiuse almeno fino alla fine di febbraio, linea dura di fronte alla minaccia rappresentata dalle nuove varianti del Covid-19. Ma ancora una volta la cancelliera si è scontrata con le resistenze di molti governatori regionali, preoccupati dalle conseguenze per l’economia e dalla tenuta sociale dei loro Länder. Alla fine la cancelliera ha dovuto accettare il compromesso di un lock down fino al 7 marzo e di una riapertura progressiva e differenziata di scuole e nidi.

Ma Merkel non ha rinunciato al suo ruolo di madre della nazione e ha avvertito che le nuove forme del Covid-19 sono già tra noi, attualmente rappresentano il 5,7% dei casi totali: “Gli esperti ci dicono che è soltanto questione di tempo perché queste mutazioni diventino prevalenti e prendano il posto del virus originario”. Merkel ha poi ammesso che sono stati fatti degli errori, che la “politica ha mancato di restringere la vita pubblica in modo sufficientemente tempestivo di fronte alla crescita dei contagi”.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com