Bayer, 71 mln di euro a un malato per il suo diserbante cancerogeno

La decisione da parte della giuria di San Francisco, che ha riconosciuto la responsabilità della Monsanto, acquisita lo scorso anno da Bayer, negli effetti dell'uso del glifosato. Il titolo soffre sul mercato azionario

Bayer, 71 mln di euro a un malato per il suo diserbante cancerogeno

La notizia attesa è arrivata e per Bayer è stata un’altra giornata nera sul mercato azionario dove perde oltre due punti percentuali. Il colosso tedesco dovrà pagare 80 milioni di dollari a un agricoltore che ha utilizzato per anni un suo diserbante, che un Tribunale degli Stati uniti ha giudicato cancerogeno.

La magistratura americana ha diviso il processo in due fasi. Nella prima l'attenzione era stata rivolta alle prove scientifiche per determinare se esisteva un legame tra il diserbante e il linfoma non-Hodgkin contratto dal querelante, Edwin Hardeman. La conclusione, raggiunta il 19 marzo scorso dai sei membri della giuria, è stata che Roundup è stato un "fattore sostanziale" nel provocare il cancro a Hardeman. Nella seconda fase del processo i giurati si sono invece concentrati sulla responsabilità di Monsanto. Di qui, la decisione – fondata sulla tesi che il Gruppo abbia agito in modo negligente nel non mettere adeguatamente in guardia sui rischi associati al prodotto - sul risarcimento multimilionario.

Sebbene Monsanto continui a sostenere che il glifosato è sicuro, l'Agenzia internazionale per la ricerca sul cancro, una costola dell'Organizzazione mondiale della sanità, ha classificato il glifosato come "probabile cancerogeno per l'uomo" già dal 2015. Quindi, ben prima dell’acquisizione da parte di Bayer.

Il Roundup, l’erbicida incriminato, sta diventando sempre più un problema per la multinazionale che lo scorso anno ha comprato la statunitense Monsanto per 63 miliardi di dollari. Ma si è rivelata fino ad ora un’acquisizione maledetta, visto che nel frattempo Bayer ha perso il 60% del proprio valore di mercato. E le cause attivate negli Usa sono 11.200.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com