Vaccino, comincia la gara a chi ce l’ha più efficace

Pfizer: “Il nostro è efficace al 95%, nessun effetto collaterale grave” (la scorsa settimana il colosso aveva parlato del 90% e subito dopo Moderna aveva alzato l’asticella a 94,5%)

Vaccino, comincia la gara a chi ce l’ha più efficace

Continua la corsa al vaccino anti-Covid. L’ultima mossa è di Pfizer: il colosso americano fa sapere che il suo candidato vaccino è efficace al 95% (la scorsa settimana l’azienda aveva parlato di un’efficacia di circa il 90%) e non ha avuto effetti collaterali gravi.

Pfizer, che ha sviluppato il vaccino con il suo partner BionTech, ha annunciato che le due aziende pianificano di richiedere l’autorizzazione di emergenza alla Food and Drug Administration americana “entro pochi giorni”.

Se la Fda autorizzerà il vaccino a due dosi, Pfizer ha spiegato che potrebbe avere fino a 50 milioni di dosi disponibili entro la fine dell’anno, e fino a 1,3 miliardi entro la fine del prossimo anno. Circa la metà della fornitura andrà negli Stati Uniti quest’anno, abbastanza per circa 12,5 milioni di persone (su 330 milioni).

I cittadini americani riceveranno il vaccino gratuitamente, in base a un accordo da 1,95 miliardi di dollari che il governo federale ha raggiunto con Pfizer per 100 milioni di dosi.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com