Usa, frattura del piede per Biden

È il presidente più anziano della storia statunitense. Intanto Biden sceglie 7 donne per lo staff comunicazione alla Casa Bianca

Frattura del piede per Biden

A causa di una caduta mentre giocava con uno dei suoi cani, Joe Biden si è procurato delle microfratture al piede destro. Il presidente eletto degli Stati Uniti dovrà quindi indossare un tutore per diverse settimane.

Biden ha compiuto 78 anni il 20 novembre e diventerà il presidente americano più anziano della storia. Durante la campagna elettorale è stata resa pubblica la situazione del suo stato di salute: perfettamente compatibile con l'incarico di presidente.

Intanto Joe Biden e Kamala Harris hanno scelto sette donne per lo staff che alla Casa Bianca dovrà occuparsi della comunicazione. Jen Psaki sarà la portavoce della Casa Bianca. Psaki, 41 anni, di origini greche e polacche, è stata durante l’amministrazione Obama portavoce del Dipartimento di Stato e poi direttrice della comunicazione della Casa Bianca. Attualmente lavora nel transition team del presidente eletto.

Oltre a Psak sono state nominate Karine Jean-Pierre vice portavoce, Kate Bedingfield direttrice della comunicazione, Pili Tobar vice direttrice, Elizabeth Alexander portavoce della futura first lady Jill Biden, Ashley Etienne direttrice della comunicazione della vicepresidente, Symone Sanders portavoce della vicepresidente.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com