Giappone, i suicidi tra gli adolescenti sono aumentati a livelli record nel 2020

Un numero mai così alto da quando sono iniziate le statistiche (1980)

Aumentati a livelli record i suicidi tra gli adolescenti

Raggiungono livelli record i suicidi tra gli adolescenti in Giappone nel 2020, anno segnato dalla pandemia di coronavirus. In base ai dati del ministero dell’Istruzione e dello Sport, lo scorso anno si sono verificati 479 suicidi (+140 rispetto al 2019): un numero mai così alto da quando sono iniziate le statistiche (1980). A guidare la classifica, gli studenti di istruzione superiore con 330 casi, seguiti dalle 136 fatalità segnalate nella scuola media, e 14 tra gli alunni delle scuole elementari.

Nel marzo dello scorso anno il governo nipponico ha imposto la chiusura degli istituti scolastici per contenere l’espansione del Covid, e la successiva introduzione dello stato di emergenza ha protratto l’interruzione delle lezioni in presenza nel Paese fino al termine di maggio o giugno.

Gli esperti medici, tuttavia, dicono di non avere elementi per affermare che l’aumento dei suicidi sia correlato alla sospensione dell’attività scolastica. Da parte sua il ministero dell’Istruzione ritiene che le cause siano legate alle tradizionali criticità che riguardano la fascia di età (modesti risultati accademici e incertezza sul futuro sulla scelta delle carriere da intraprendere).

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com