Adam Smith (“La ricchezza della nazioni”, 1775): “Alti profitti tendono a far salire i prezzi molto di più degli alti salari”

Le principali banche centrali continuano ad aumentare i tassi di interesse: il capo della Fed ha fatto capire che potranno salire nuovamente. Lagarde si è ancora una volta allineata. Ma contro l’inflazione non c’è solo la politica monetaria: per tenere sotto controllo il livello dei prezzi, politiche fiscali redistributive, industriali e della concorrenza coordinate fra loro potrebbero in realtà dimostrarsi più efficaci della politica monetaria.

Smith: “Alti profitti tendono a far salire i prezzi più degli alti salari”
Powell ha scelto di mantenere un atteggiamento da falco. Lagarde lo ha seguito a ruota

“L’inflazione resta alta, potremmo alzare ancora i tassi se necessario”. In un momento molto delicato per le decisioni di politica monetaria, il presidente della Fed, Jerome Powell, nel suo discorso al simposio di Jackson Hole ha scelto di mantenere un atteggiamento da falco, evitando tuttavia di prendere una posizione precisa. E di lasciarsi tutte le opzioni aperte per i prossimi mesi.

Christine Lagarde ha poco dopo usato parole simili a quelle scelte da Powell: “La lotta all’inflazione non è ancora vinta e i tassi resteranno restrittivi per tutto il tempo necessario”. L’era dei rialzi dei tassi non è finita, malgrado le speranze alimentate dal fatto che l’inflazione è precipitata in poco più di un anno da quasi il 10 per cento al 3 negli Usa e al 5,4 nell’Eurozona (5,9 in Italia).

Le banche centrali dei principali paesi avanzati hanno dunque deciso di continuare ad aumentare i loro tassi ufficiali, nonostante la rapida discesa dell’inflazione. Ritengono infatti che le tensioni sul mercato del lavoro, assieme alla forte crescita dei profitti, possano innescare una spirale prezzi-salari, nonostante, negli ultimi mesi, la Banca centrale europea, l’Ocse e la Banca dei regolamenti internazionali abbiano pubblicato studi che mostrano come i profitti rappresentino una componente rilevante dell’inflazione. Circa il 40-45 per cento, secondo le stime dell’Fmi.

In altri termini, le imprese sono riuscite non solo a scaricare sui prezzi finali tutti gli aumenti subiti dall’incremento dei costi, ma anche ad aumentare i loro margini. Nel frattempo, i salari nominali si sono mossi poco, così i salari reali hanno registrato una drastica riduzione. Nulla di nuovo. Già Adam Smith nella Ricchezza delle Nazioni scriveva: “In realtà alti profitti tendono a far salire i prezzi molto di più degli alti salari” (Libro Primo - Capitolo Nono).

A ciò si aggiunga che, in una situazione di alti profitti, le imprese sono meno dipendenti dal credito e pertanto la politica monetaria diventa meno efficace, a differenza di quelle fiscali e industriali che possono giocare un ruolo significativo. Interessante in proposito è il caso spagnolo, dove il governo Sànchez è riuscito a ottenere risultati considerevoli con politiche economiche non convenzionali quali lo sganciamento del prezzo del gas da quello dell’elettricità, la riduzione della tassazione indiretta, l’imposizione di limiti ai prezzi dell’energia, la tassazione dei super-profitti delle banche. Così l’inflazione in Spagna è oggi vicina al 2 per cento, mentre la crescita dei profitti è in linea con il costo unitario del lavoro.

Occorre, infine, considerare un ulteriore aspetto. Un lavoro appena pubblicato da quattro economisti europei ha mostrato come la formazione delle aspettative degli operatori è più influenzata dagli shock di offerta che da quelli di domanda.

Componendo il quadro con tutti gli elementi descritti in questo articolo, si arriva così alla conclusione che la politica monetaria potrebbe dimostrarsi molto meno efficiente di quanto comunemente ritenuto nell’influenzare le aspettative d’inflazione e, quindi, l’inflazione stessa. Importante, invece, è la cooperazione con politiche fiscali redistributive, industriali e della concorrenza. Qualcuno lo dica a Powell e Lagarde.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La discesa dell’inflazione? Non dipende dalla politica monetaria della Bce

La discesa dell’inflazione? Non dipende dalla politica monetaria della Bce

Moneta & Mercati
quoted business

Le banche centrali si preparano a spostare l’obiettivo sull’inflazione dal 2 al 3 per cento?

Difficilmente la Banca centrale statunitense aumenterà ulteriormente i tassi di interesse, ma Powell ammette: “L’inflazione è ancora troppo alta”. [continua ]

Moneta & Mercati

La Spagna ha domato l’inflazione usando la politica fiscale

Un confronto tra Spagna e Regno Unito, dove l’inflazione sta scendendo troppo lentamente. Madrid invece ha dimostrato che il livello dei prezzi al consumo può essere tenuto sotto controllo evitando che l’economia vada in tilt. Ma se invece viene usata solo la leva dei tassi di interesse (come fa la Bce), i rischi recessivi aumentano sensibilmente. E gli effetti inflattivi si scaricano quasi completamente sui lavoratori. [continua ]

Moneta & Mercati

Ormai (quasi) tutti riconoscono che l’inflazione è guidata dai profitti. Ma si continua a sbagliare la terapia

Non è forse giunto il momento di riconoscere che il ricorso a tassi di interesse più elevati non è altro che una strategia per scaricare i costi dell’inflazione sul lavoro (riducendo i salari), sui programmi sociali (attraverso l’austerità) e sulle generazioni future (scoraggiando gli investimenti)? A volte fare un passo indietro è il modo migliore per andare avanti. [continua ]

Moneta & Mercati
Quello che sappiamo sull’inflazione non è vero

Quello che sappiamo sull’inflazione non è vero

Moneta & Mercati
Lavoro e disuguaglianze: può avere un ruolo la politica monetaria?

Partecipazione al lavoro e disuguaglianze: può avere un ruolo la politica monetaria?

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com