Per risolvere una frattura al piede, l’ortopedico (ovvero la Bce) ci propone di amputare la gamba

L’economista Emiliano Brancaccio: “I banchieri centrali non puntano a governare l’inflazione, ma semplicemente rimediare ad essa. Non sussiste una chiara evidenza scientifica di relazioni stabili tra rialzo dei tassi e declino dei prezzi. La Banca centrale aumenta i tassi d’interesse, agendo in sostanza come una scala mobile dei capitalisti in posizione di credito”.

Per risolvere una frattura al piede, l’ortopedico vuole amputare la gamba

Siamo sicuri che l’aumento dei tassi di sconto (così si definiscono i tassi di interesse fissati dalle banche centrali e che determinano il costo del denaro per le banche) riduca l’inflazione?

Ad insinuare il dubbio è l’economista Emiliano Brancaccio. In realtà – scrive - non sussiste una chiara evidenza scientifica di relazioni stabili tra rialzo dei tassi e declino dei prezzi. Gli economisti lo sanno, tanto che la maggior parte di loro ritiene il canale di trasmissione che va dall’uno all’altro irto di ostacoli, se non in alcuni casi contraddittorio.

È una questione di punti di vista. Per molte aziende il tasso d’interesse rappresenta un costo, e quindi un suo aumento può tradursi non in una riduzione ma persino in un incremento dei prezzi.

Intendiamoci, se il rialzo dei tassi è particolarmente veloce e rilevante, l’inflazione diminuisce come conseguenza del crollo dell’economia che fa aumentare la disoccupazione e quindi diminuire i salari, infine induce una discesa dei prezzi (ma solo perché nel frattempo il paziente malato è diventato morente).

Un percorso vizioso in cui la correlazione tra tassi e inflazione non è diretta, semmai è indiretta. In effetti – aggiunge Brancaccio - “i banchieri centrali non puntano a governare l’inflazione, ma semplicemente rimediare ad essa. Il loro interesse è rivolto soprattutto ai danni che l’inflazione arreca ai capitalisti in posizione di credito. L’aumento dei prezzi riduce il valore reale dei rimborsi e degli interessi che i creditori si attendono dai loro debitori”.

Per compensare tali perdite, i creditori chiedono allora una politica monetaria di aumento dei tassi di interesse. “Alla fine la voce dei creditori prevale e la banca centrale aumenta i tassi di interesse, agendo in sostanza come una scala mobile dei capitalisti in posizione di credito”.

Quello interno alla Bce, dunque, non è uno scontro tra chi intende combattere l’inflazione e chi vuole evitare la recessione, ma uno scontro politico tra due fazioni: quelli in posizione di debito che invocano tassi bassi e quelli in posizione di credito che li vogliono alti.

In questa lotta tra debitori e creditori – chiarisce l’economista - “la collocazione macroeconomica dell’Italia è duplice. Da un lato, il nostro è un capitalismo assistito che anche per questo accumula un ingente debito, privato e soprattutto pubblico.

Dall’altro lato, però, questo paese ha attuato un’austerity così violenta da schiacciare i redditi interni e quindi anche le importazioni di merci dagli altri paesi, con la conseguenza che da qualche anno siamo diventati creditori netti verso l’estero”. Ecco perché la posizione da assumere non è così scontata per il governo.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La discesa dell’inflazione? Non dipende dalla politica monetaria della Bce

La discesa dell’inflazione? Non dipende dalla politica monetaria della Bce

Moneta & Mercati
quoted business

Le banche centrali si preparano a spostare l’obiettivo sull’inflazione dal 2 al 3 per cento?

Difficilmente la Banca centrale statunitense aumenterà ulteriormente i tassi di interesse, ma Powell ammette: “L’inflazione è ancora troppo alta”. [continua ]

Moneta & Mercati

Ormai (quasi) tutti riconoscono che l’inflazione è guidata dai profitti. Ma si continua a sbagliare la terapia

Non è forse giunto il momento di riconoscere che il ricorso a tassi di interesse più elevati non è altro che una strategia per scaricare i costi dell’inflazione sul lavoro (riducendo i salari), sui programmi sociali (attraverso l’austerità) e sulle generazioni future (scoraggiando gli investimenti)? A volte fare un passo indietro è il modo migliore per andare avanti. [continua ]

Moneta & Mercati
Quello che sappiamo sull’inflazione non è vero

Quello che sappiamo sull’inflazione non è vero

Moneta & Mercati
Lavoro e disuguaglianze: può avere un ruolo la politica monetaria?

Partecipazione al lavoro e disuguaglianze: può avere un ruolo la politica monetaria?

Moneta & Mercati

“L’inflazione somiglia al fumo: una volta che si supera una soglia minima, è molto difficile sfuggire a una sua dipendenza”

L’inflazione attuale sembra destinata a durare. Forse nei prossimi mesi cominceranno a rallentare i prezzi delle materie prime energetiche e alimentari, ma le banche centrali non cambieranno politica. [continua ]

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com