Torna l’aiuto della Bce alle banche. E tassi fermi per tutto il 2019

Doppia mossa di Francoforte contro la frenata dell’economia: condizioni monetarie accomodanti per più tempo e nuovo piano di finanziamenti a lungo termine per gli istituti di credito

Torna l’aiuto della Bce alle banche. E tassi fermi per tutto il 2019

A pochi mesi dalla fine del ‘quantitative easing’ la Banca Centrale Europea si prepara a fornire nuovo ossigeno all'economia europea. Francoforte ha annunciato un nuovo round di finanziamenti a lungo termine e condizioni agevolate per il sistema bancario (le cosiddette Tltro).

La nuova serie di operazioni sarà lanciata a partire da settembre 2019 e terminerà nel marzo 2021. Le operazioni avranno cadenza trimestrale e ciascuna avrà una scadenza di due anni.Le nuove aste (chiamate Tltro3) dovrebbero servire per "preservare le condizioni di credito favorevoli". Gli istituti di credito potranno prendere a prestito denaro fino al 30% del valore dei prestiti concessi a società non finanziarie e famiglie (esclusi i mutui per le case).

Per le banche, in particolare quelle italiane, è una boccata d'ossigeno: dalle vecchie operazioni andranno in scadenza oltre 700 miliardi di euro (dei quali 200 mld in capo agli istituti italiani) a partire dal mese di giugno 2020. Con queste nuove operazioni potranno sostituire i vecchi prestiti con i nuovi.

C’è un’altra decisione importante presa dalla Bce. È stato esteso l'orizzonte fissato per l'attuale politica dei tassi zero: resteranno agli attuali livelli per tutto il 2019 (e non più fino all’estate).

La doppia risposta 'accelerata' della Banca Centrale testimonia quanto l'economia stia rallentando e quantosia necessario tornare a sostenere l’economia. Secondo le stime di Francoforte, nel 2019 il Pil dell’Eurozona crescerà solo dell'1,1% e nel 2020 dell'1,6%. Scendono anche le previsioni sui prezzi. L'inflazione per quest’anno è stimata all'1,2% rispetto all'1,6% atteso in precedenza.

Fonte

Articoli correlati

Draghi apre al taglio dei tassi di interesse

quoted business

Draghi apre al taglio dei tassi di interesse

Moneta & Mercati
Paradosso, le banche centrali aumentano i tassi ma l’inflazione non sale

L'inflazione non sale ma le banche centrali aumentano i tassi di interesse. Il perché di un paradosso

Moneta & Mercati
Draghi, rialzo dei tassi di interesse a fine 2019

Draghi, rialzo dei tassi di interesse a fine 2019

Moneta & Mercati

quoted business

Cresce l’utile della Bce. E viene distribuito alle banche centrali nazionali

La Banca Centrale Europea archivia il 2018 con un utile in crescita di 300 milioni di euro a 1,6 miliardi (1,3 mld nel 2017). Il ‘tesoretto’ viene distribuito integralmente alle banche centrali nazionali. Lo ha reso noto la Bce. Il risultato è dovuto "principalmente all'incremento degli interessi attivi netti percepiti sul portafoglio in dollari statunitensi e sul portafoglio del Programma di acquisto di attività". [continua ]

Moneta & Mercati
Banche, Italia peggio di Cipro

Banche, Italia peggio di Cipro. Filiali piccole e solo 7,4 sportelli ogni 1.000 imprese

Moneta & Mercati

Erdogan: “Drastico taglio ai tassi di interesse”

Una settimana dopo il siluramento del governatore della Banca centrale turca, Tayyip Erdogan ha annunciato che i tassi di interesse saranno drasticamente tagliati. È così convinto, il presidente turco, di riuscire a ridurre l’inflazione, attualmente al 15%. Lo scorso settembre i tassi erano saliti al 24% per arginare la caduta della lira. E la Banca centrale li ha lasciati invariati da allora, mentre l'economia è precipitata in recessione. [continua ]

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com