Eurozona: +7,5% (+44,7% l’energia), Italia 6,7%, Spagna 9,8%, Germania 7,3%, Francia 4,5%

L’Europa nella trappola dell’inflazione

Vola al 7,5% l’inflazione annua dell’Eurozona a marzo. È quanto risulta dalla stima flash dell’Eurostat. A febbraio il dato era al 5,9%. Considerando le principali componenti dell’inflazione nell’Eurozona, l’energia dovrebbe avere il tasso annuo più elevato a marzo (44,7%, rispetto al 32% di febbraio), seguita da cibo, alcol e tabacco (5%), dei beni industriali non energetici (3,4%) e dei servizi (2,7%).

Italia

Il dato europeo segue quello pubblicato dall’Istat per quanto riguarda l’Italia. Secondo le stime preliminari dell'Istituto a marzo l’indice nazionale dei prezzi al consumo per l’intera collettività (Nic), al lordo dei tabacchi, registra un aumento dell’1,2% su base mensile e del 6,7% su base annua (da +5,7% del mese precedente). Un aumento che non si registrava dal 1991.

L'accelerazione dell'inflazione su base tendenziale è dovuta anche questo mese prevalentemente ai prezzi dei beni energetici (la cui crescita passa da +45,9% di febbraio a +52,9%), in particolare a quelli della componente non regolamentata (da +31,3% a +38,7%), e, in misura minore, ai prezzi dei beni alimentari, sia lavorati (da +3,1% a +4%) sia non lavorati (da +6,9% a +8%) e a quelli dei beni durevoli (da +1,2% a +1,9%); i prezzi dei beni energetici regolamentati continuano a essere quasi doppi di quelli registrati nello stesso mese dello scorso anno (+94,6%, come a febbraio).

Spagna

Il livello dei prezzi al consumo pubblicato dall’Istituto Nazionale di Statistica (Ine) corrispondente al mese di marzo, si attesta su un tasso del 9,8% (il valore più alto dal 1985), dopo un aumento mensile del 3%.

Germania

L’inflazione nella prima economia europea è balzata a livelli record dalla riunificazione nel 1990. Secondo l’Agenzia federale di statistica (Destatis), i prezzi al consumo sono aumentati fino al 7,3% rispetto all’anno precedente a marzo, rispetto al 5,1% registrato a febbraio.

Francia

Il paese transalpino, che da lungo tempo puntando sul nucleare risulta meno dipendente dall’estero in campo energetico rispetto alle principali economie europee, riesce a limitare i danni. La stima preliminare diffusa dall’Istituto Statistico Nazionale Francese (Insee) segnala i prezzi al consumo in crescita, su base annua, del 4,5% a marzo dal 3,6% del mese precedente e contro il 4,3% indicato dagli analisti.

Fonte
quotedbusiness.com è una testata indipendente nata nel 2018 che guarda in particolare all'economia internazionale. Ma la libera informazione ha un costo, che non è sostenibile esclusivamente grazie alla pubblicità. Se apprezzi i nostri contenuti, il tuo aiuto, anche piccolo e senza vincolo, contribuirà a garantire l'indipendenza di quotedbusiness.com e farà la differenza per un'informazione di qualità. 'qb' sei anche tu. Grazie per il supporto

Articoli correlati

La discesa dell’inflazione? Non dipende dalla politica monetaria della Bce

La discesa dell’inflazione? Non dipende dalla politica monetaria della Bce

Moneta & Mercati
Presi per il PIL

Rallenta la corsa dell’inflazione nell’Eurozona: è una buona, ma non ottima, notizia. Ecco perché

La discesa del tasso di inflazione si deve in gran parte all’andamento dei prezzi dei beni energetici, in decisa decelerazione tendenziale a causa dell’effetto statistico derivante dal confronto con ottobre 2022, quando si registrarono forti aumenti dei prezzi. Il caso del Belgio e dell’Olanda. [continua ]

Moneta & Mercati
Bce, prima pausa dopo 10 rialzi. Ma l’inflazione resta troppo alta

Bce, prima pausa dopo 10 rialzi. Ma l’inflazione resta troppo alta

Moneta & Mercati
Inflazione, scende al 4,3%. Ma in Italia il carrello della spesa vola

Inflazione, nell’Eurozona scende al 4,3%. Ma in Italia il carrello della spesa vola

Moneta & Mercati
Per i redditi bassi l’inflazione è al 12 per cento

Per i redditi bassi l’inflazione è al 12 contro il 5 per cento di quelli più alti

Moneta & Mercati

Il costo del denaro continua a salire. Lagarde: “I profitti delle aziende hanno contribuito per 2/3 all’inflazione nel 2022”

Il numero uno della Banca Centrale Europea ha precisato che contro l’inflazione sono stati “compiuti progressi significativi, ma non possiamo ancora dichiarare vittoria”. A breve nuovi rialzi dei tassi. La Bce continua a ignorare che la ruota gira al contrario [continua ]

Moneta & Mercati

Indicatori

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com