L'azionista cinese arriva in soccorso della prima banca tedesca e vende la sua quota

L'azionista cinese arriva in soccorso di Deutsche Bank e vende la sua quota
Il gruppo Hna comprende anche una compagnia aerea

Il conglomerato cinese Hna ha accettato di vendere la sua quota del 7,6% in Deutsche Bank, la prima banca tedesca e da tempo in crisi.

Ma non sarà un divorzio doloroso, anzi consensuale. Hna è sin dall’inizio stato un socio “instabile” e per lungo tempo ha minacciato di cedere la quota. Oltre a questo, i mugugni tedeschi sull’investitore cinese sono legati al fatto che gran parte della quota di Hna è basata su fondi presi in prestito e “garantiti” da contratti derivati. Ecco perché l'uscita potrebbe conferire a Deutsche Bank una maggiore stabilità e contribuire ad arginare i problemi di liquidità. Ed è, quindi, un'operazione non solo accettata ma auspicata dai tedeschi. E autocriticamente compresa dai cinesi.

Un peso nella decisione di Hna lo hanno avuto anche le pressioni esercitate dal governo di Pechino sul colosso cinese, affinché ceda parte delle sue numerose acquisizioni portate a termine lo scorso anno dopo uno shopping internazionale sfrenato.

Sull'altro fronte, quello di Deutsche Bank, le difficoltà proseguono senza soluzione di continuità. L’obiettivo di ridurre i costi sarà probabilmente centrato, mentre quello di aumentare le entrate pare destinato a fallire: la parte retail cresce poco e quella relativa agli investimenti perde ulteriori quote di mercato. Intanto le azioni sono in calo di oltre il 40% dall'inizio di gennaio.

Dopo la cessione – i cui termini non sono ancora stati fissati – il Qatar e gli investitori finanziari CerberusBlackrock diventeranno i maggiori azionisti con quote, rispettivamente, pari al 10%, 4,4% e 3%.

Senza Hna, il nuovo ceo Christian Sewing avrà una preoccupazione in meno.

Fonte

Indicatori

La disoccupazione femminile in Italia, Germania, Giappone e Stati Uniti

I dati evidenziano uno dei punti di debolezza del mercato del lavoro in Italia: la disoccupazione femminile. Il confronto con altre economie avanzate, come Germania, Giappone e Stati Uniti, mette in luce un gap strutturale, ma anche un elevato prezzo pagato alla grande crisi. Nel 2007 le donne in cerca di lavoro in Italia corrispondevano al 23,4% per poi schizzare al 45% nel 2014, salvo poi scendere al 39% nel 2017.

Scopri la sezione Indicatori

(opzionale)
Paesi
www.quotedbusiness.com